Conseggio pe-o patrimònio linguistico ligure

Conseggio ligure

Grammatica del genovese: XIII. Sintassi della proposizione

Di Fiorenzo Toso.
Pe-o momento o contegnuo de sta pagina o l’é à dispoxiçion solo che in lengua italiaña. Pe propòste de collaboraçion in sciâ traduçion da mæxima sciâ peuan scrivine à l’adresso info@conseggio-ligure.org.

Generalità

  1. Le frasi costituite da una sola proposizione, che non dipendono da altre, esprimono da sole un messaggio di senso compiuto. Una frase semplice può svilupparsi in una o più subordinate, e in tal caso, si parla di proposizione principale (o reggente, o sovraordinata). Le frasi semplici si distinguono in enunciative, interrogative, esclamative, volitive e ottative.

Frasi enunciative

  1. Constatano una realtà o enunciano un’affermazione o negazione. Si costruiscono per lo più con l’indicativo e non implicano necessariamente una reazione da parte dell’interlocutore: o can o l’é unna bestia [u ˈkaŋ u l e na ˈbestja] ‘il cane è un animale’; neiva [ˈnejva] ‘nevica’.

  2. Una frase enunciativa può contenere un ordine o una preghiera. Ciò avviene con l’indicativo imperfetto o con il condizionale, quando si voglia attenuare il tono della richiesta: voeiva do vin [ˈvwejva du viŋ] ‘vorrei del vino’; me saieiva cao che ti vegnisci [me saˈjejva ˈkaːu ke ti veˈɲiʃˑi] (o m’ea cao se ti vegnivi [u m ˈeːa ˈkaːu se ti veˈɲiːvi]) ‘mi farebbe piacere se tu venissi’.

  3. Anche in altri casi il condizionale e l’imperfetto indicativo permettono di presentare un qualsiasi dato in forma attenuata, dubitativa, potenziale:

    1. per attenuare un rifiuto o per ridurre un’osservazione a opinione: à dî a veitæ aviæ za mangiou [a ˈdiː a vejˈtɛː aˈvjɛː za maŋˈdʒɔw] ‘veramente avrei già mangiato’; s’ea mi, no me ghe mescciava miga con quelli là [s ˈeːa mi nu me ɡe meʃˈtʃaːva ˈmiːɡa kuŋ ˈkwelˑi ˈla] ‘fossi stato io, non mi sarei immischiato troppo con loro’;

    2. per indicare stupore, perplessità, esitazione: no me l’imaginava mai ciù de seguo [nu me l imadʒiˈnaːva maːi ˈtʃy de seˈɡyːu] ‘non l’avrei mai pensato’; no savieiva comme comportâme [nu saˈvjejva kumˑe kuŋpurˈtaːme] ‘non saprei come comportarmi’.

Frasi interrogative: I. totali e parziali

  1. Contengono una domanda e richiedono il punto interrogativo: chi o l’é? [ki u l ˈe] ‘chi è?’, ti l’æ visto o Gioanin? [ti l ˈɛː ˈvistu u dʒwaˈniŋ] ‘hai visto Giovannino?’. Le interrogative che costituiscono una frase semplice sono dette interrogative dirette; se dipendono da una frase reggente (dimme chi o l’é [ˈdimˑe ki u l ˈe] ‘dimmi chi è’) sono dette interrogative indirette.

  2. Le interrogative si distinguono in:

    1. totali, se la domanda riguarda il legame tra soggetto e predicato: t’æ visto o Gioan? [t ˈɛː ˈvistu u ˈdʒwaŋ] ‘hai visto Giovanni?’ (ossia ti l’æ visto ò no ti l’æ visto? [ti l ˈɛː ˈvistu o nu ti l ˈɛː ˈvistu] ‘lo hai visto o no?’), ti ô veu un gobelletto? [ti uː ˈvøː iŋ ɡubeˈletˑu] ‘vuoi un dolce?’ (ossia ti ô veu ò no ti ô veu? [ti uː ˈvøː o nu ti uː ˈvøː] ‘lo vuoi o non lo vuoi?’). A queste interrogazioni si risponde scì [ˈʃi] ‘sì’ o na [ˈna] ‘no’, anche se talvolta tali avverbi possono rimanere inespressi: voentea! [vweŋˈteːa] ‘volentieri!’.

    2. parziali, quando non entra in gioco il legame soggetto-predicato, e si richiede invece una informazione su un altro elemento della frase (soggetto, oggetto o complemento indiretto): chi parla? [ki ˈpaːrla] ‘chi parla?’, cöse t’æ fæto? [ˈkɔːse t ˈɛː ˈfɛːtu] ‘che hai fatto?’, de cöse ti parli? [de ˈkɔːse ti ˈpaːrli] ‘di che parli?’. A differenza delle interrogative totali, quelle parziali sono sempre introdotte da specifici elementi interrogativi, pronomi e aggettivi (es. chi [ˈki] ‘chi’, cöse [ˈkɔːse] ‘che cosa’), o avverbi (comme [ˈkumˑe] ‘come’, donde [ˈduŋde] ‘dove’, perché [pɛrˈke] ‘perché’), anche preceduti da preposizioni o locuzioni preposizionali: fin à quande t’ò da aspëtâ? [fiŋ a ˈkwaŋde t ˈɔ d aspeːˈtaː] ‘sino a che ora dovrò aspettarti?’.

  3. Con la frase interrogativa alternativa si prospettano due possibilità di scelta: ti stæ à Ciavai ò à Rapallo? [ti ˈstɛː a ˈtʃaːvaj o a raˈpalˑu] ‘abiti a Chiavari o a Rapallo?’.

Frasi interrogative: II. reali e fittizie

  1. Si hanno interrogative reali quando si domanda qualcosa che non sappiamo e che vogliamo apprendere: che oa l’é? [ke ˈuːa l ˈe] ‘che ora è?’, comme ti te ciammi? [ˈkumˑe ti te ˈtʃamˑi] ‘come ti chiami?’, ti speti che l’é tanto? [ti ˈspeːti ke l ˈe ˈtaŋtu] ‘è da molto che aspetti?’.

  2. Sono dette interrogative retoriche le frasi che non indicano una reale mancanza di informazione, ma richiedono piuttosto all’interlocutore un assenso o un diniego già implicito nella domanda: te pòsso parlâ? [te ˈpɔsˑu parˈlaː] ‘posso parlarti?’. l’interrogativa retorica che presuppone come risposta scì [ˈʃi] ‘sì’ ha spesso forma negativa.

  3. Altre interrogative celano il contenuto della richiesta per ragioni di cortesia: frasi come ti me â dæ a sâ? [ti mj aː ˈdɛː a ˈsaː] ‘mi passi il sale?’ o scià sa miga l’oa? [ʃa ˈsa ˈmiːɡa l ˈuːa] ‘sa mica l’ora?’ sostituiscono infatti un ordine (damme a sâ [ˈdamˑe a ˈsaː] ‘dammi il sale’) o una domanda espressa in forma più diretta (che oa l’é? [ke ˈuːa l ˈe] ‘che ora è?’).

  4. Sono dette interrogative di cortesia le formule che consentono di avviare la conversazione: comm’a va? [kumˑ a ˈva] ‘come va?’.

Posizione del soggetto nelle interrogazioni

  1. Se la frase viene introdotta da un pronome o avverbio interrogativo, il soggetto segue di norma il verbo: cös’o mangia o teu can? [ˈkɔːs u ˈmaŋdʒa u ˈtøː ˈkaŋ] ‘cosa mangia il tuo cane?’ È possibile in realtà anticipare il soggetto quando si voglia conferirgli particolare rilievo: o teu can, cös’o mangia? [u ˈtøː ˈkaŋ ˈkɔːs u ˈmaŋdʒa] ‘il tuo cane, cosa mangia?’.

  2. In assenza di pronome, aggettivo o avverbio interrogativo, può verificarsi l’inversione dell’ordine soggetto-predicato, con l’inserimento dei restanti elementi della frase tra l’uno e l’altro: o parte con ti, teu fræ? [u ˈpaːrte kuŋ ˈti ˈtøː ˈfrɛː] ‘parte insieme a te, tuo fratello?’. Talvolta la frase assume sfumature diverse a seconda della collocazione del soggetto: con o Gioan o canta? [u ˈdʒwaŋ u ˈkaŋta] ‘Giovanni canta?’ si mette in dubbio il fatto che Giovanni canti; con o canta o Gioan? [u ˈkaŋta u ˈdʒwaŋ] ‘canta Giovanni?’, ci si chiede se a cantare sarà proprio Giovanni oppure qualcun altro.

  3. Se il soggetto è rappresentato da un pronome personale tonico, esso viene omesso: cöse ti fæ? [ˈkɔːse ti ˈfɛː] ‘cosa fai?’.

Modi verbali delle interrogative

  1. l’indicativo rappresenta il modo più usuale per ogni tipo di interrogativa. Sono tuttavia possibili altre soluzioni:

  2. I. Condizionale: cös’o diæ, se ô savesse? [ˈkɔːs u ˈdjɛː ˈsɔw saˈvesˑe] ‘che direbbe, se lo sapesse?’; scià me daieiva un chillo de pan? [ʃa me daˈjejva ŋ ˈkilˑu de ˈpaŋ] ‘mi darebbe un chilo di pane?’; ma cöse ti vorriesci fâ? [ma ˈkɔːse ti vuˈrjeːʃi ˈfaː] ‘ma che vorresti fare?’. Per lo più il condizionale ha valore dubitativo, con varie sfumature, e segnala incredulità di fronte alle intenzioni dell’interlocutore, o l’ovvietà di un’interrogazione retorica: ti vorriesci tegnîlo addescio? [ti vuˈrieːʃi teˈɲiːlu aˈdeʃˑu] ‘vorresti tenerlo sveglio?’. In tutti questi casi concorre il presente indicativo.

  3. II. Congiuntivo. Si usa per le domande poste in forma dubitativa, in particolare al presente e introdotto o meno dalla congiunzione che [ke] ‘che’: ch’o segge [k u ˈsedʒˑe] (oppure o segge [u ˈsedʒˑe]) inta stansia? [iŋta ˈstaŋsja] ‘che sia in camera?’; ghe vagghe mi? [ɡe ˈvaɡˑe ˈmi] ‘ci vado io?’ (nel senso di ‘dovrei andarci io?’). Tali frasi dubitative si possono costruire anche con il futuro indicativo: o saià inta stansia? [u saˈja iŋta ˈstaŋsja] ‘sarà in camera?’.

  4. Spesso la frase interrogativa è priva di predicato verbale, ad esempio quando si adopera una formula per sollecitare l’interlocutore a concludere o a chiarire il suo pensiero: e aloa? [e aˈluːa] ‘e allora?’.

Frasi esclamative

  1. Una frase enunciativa può trasformarsi in esclamativa se l’asserzioneè contrassegnata da un sentimento particolare (di sopresa, ammirazione, disappunto, ecc.). Tale enfasi è sottolineata dall’uso del punto esclamativo, ma vi sono anche elementi specifici che introducono una proposizione esclamativa: pronomi o aggettivi (che bella sorpreisa! [ke ˈbɛlˑa surˈprejza] ‘che bella sorpresa!’) o avverbi (comme l’é vegnuo neutte! [ˈkumˑe l e veˈɲyːu ˈnøtˑe] o mai neutte che l’é vegnuo! [ˈmaːi ˈnøtˑe ke l ˈe veˈɲyːu] ‘come si è fatto buio!’). Oltre che con l’indicativo, le frasi esclamative si costruiscono con i seguenti modi verbali:

  2. I. l’imperativo ha valore esclamativo quando è usato per esprimere un augurio o un’imprecazione: anævene! [aˈnɛːvene] ‘andatevene!’.

  3. II. L’infinito esprime una gran varietà di sfumature: pensâ ch’o l’ea un coscì bravo garson! [peŋˈsaː k u l ˈeːa ŋ kuˈʃi ˈbraːvu ɡarˈsuŋ] ‘pensare che era un così bravo ragazzo!’, fâ unna cösa pægia, pròpio mi! [ˈfaː na ˈkɔːsa ˈpɛːdʒa ˈprɔpˑju ˈmi] ‘io, fare una cosa del genere?’.

  4. III. Congiuntivo imperfetto, adoperato da solo o preceduto da se [se] ‘se’: ti savesci comm’o gh’é arrestou mâ! [ti saˈveʃˑi ˈkumˑ u ɡ ˈe aresˈtɔw ˈmaː] ‘se tu sapessi come è rimasto colpito!’, se ti veddesci comm’o l’é cresciuo! [se ti veˈdeʃˑi ˈkumˑ u l ˈe kreˈʃyːu] ‘vedessi com’è cresciuto!’.

Frasi volitive e ottative

  1. Si tratta di frasi che contengono un ordine, un consiglio, una esortazione, una invocazione (frasi volitive), o un desiderio (frasi ottative). Queste frasi possono essere costruite con i quattro modi verbali finiti (imperativo, congiuntivo, condizionale e indicativo), e con l’infinito.

  2. I. Imperativo. È il modo più frequente per esprimere una frase volitiva: taxi, no stâ à dî atro! [ˈtaːʒi nu ˈstaː a ˈdiː ˈaːtru] ‘taci, non aggiungere altro!’.

  3. II. Congiuntivo. Il congiuntivo presente ‘esortativo’ sostituisce l’imperativo alle persone diverse dalla seconda e dalla quinta: scià ghe dagghe quarcösa [ˈʃa ɡe ˈdaɡˑe kwarˈkɔːsa] ‘gli dia qualcosa’.

  4. Analogo è l’uso del congiuntivo ‘permissivo’ o di cortesia, che si alterna anch’esso con l’imperativo e che può essere introdotto da che [ke] ‘che’: scià vëgne! [ʃa ˈveːɲe] ‘venga avanti!’.

  5. Il congiuntivo imperfetto, introdotto o meno da se ‘se’, si adopera anche per esprimere un desiderio: foïse veo! [ˈfwiːse ˈveːu] ‘fosse vero!’ se a-o manco o stesse sitto! [s ˈɔw ˈmaŋku u ˈstesˑe ˈsitˑu] ‘se almeno tacesse!’, s’o se n’andesse! [s u se n aŋˈdesˑe] ‘se se ne andasse!’. Può essere sostituito dall’imperfetto indicativo introdotto da se ‘se’: se restava da voiatri! [se resˈtaːva da vujˈaːtri] ‘se fossi rimasto con voi!’, s’o stava sitto! [s u ˈstaːva ˈsitˑu] ‘se tacesse’; s’o se n’andava! [s u se n aŋˈdaːva] ‘se se ne andasse!’.

  6. III. Il condizionale si usa per esprimere un desiderio: me saieiva cao restâ chì con ti [me saˈjejva ˈkaːu resˈtaː ˈki kuŋ ˈti] ‘mi piacerebbe restare qui con te’. Il condizionale composto, riferito al passato, si usa per i desideri irrealizzati: peccou, l’aviæ vosciuo vedde [peˈkɔw l aˈvjɛː vuˈʃyːu ˈvedˑe] ‘peccato, avrei voluto vederlo!’; può essere sostituito dall’imperfetto indicativo: peccou, ô veddeiva voentea [peˈkɔw uː veˈdejva vweŋˈteːa] ‘peccato, l’avrei visto volentieri!’.

  7. IV. Indicativo. Oltre ai casi già citati, può sostituire l’imperativo o il congiuntivo esortativo per presentare una frase come un’enunciazione neutra: scià me dà un etto de xambon [ʃa me ˈda n ˈɛtˑu de ʒaŋˈbuŋ] ‘mi dia un etto di prosciutto’.

  8. l’indicativo presente o futuro, può esprimere un comando in forma attenuata rispetto all’imperativo: ti ghe væ ti [ti ɡe ˈvɛː ˈti] (o ti gh’aniæ ti [ti ɡ aˈnjɛː ˈti]), se mi no pòsso [se ˈmi nu ˈpɔsˑu] ‘ci andrai tu, se io non posso’.

  9. V. Infinito. Fa le veci dell’imperativo nelle frasi negative (con stâ [ˈstaː]: no stâ à parlâ [nu ˈstaː a parˈlaː] ‘non parlare’), ma, nella forma composta, può trovarsi anche in frasi affermative: aveilo sacciuo, no partivimo manco [aˈvejlu saˈtʃyːu nu parˈtiːvimu ˈmaŋku] ‘ad averlo saputo, non valeva neppure la pena di mettersi in viaggio’.