Conseggio pe-o patrimònio linguistico ligure

Conseggio ligure

Grammatica del genovese: III. Il nome

Di Fiorenzo Toso.
Pe-o momento o contegnuo de sta pagina o l’é à dispoxiçion solo che in lengua italiaña. Pe propòste de collaboraçion in sciâ traduçion da mæxima sciâ peuan scrivine à l’adresso info@conseggio-ligure.org.

Generalità

  1. Il nome (o sostantivo) serve a indicare persone, animali, cose, concetti e fenomeni (figgeu [fiˈdʒøː] ‘bambino’, can [ˈkaŋ] ‘cane’, forçiña [furˈsiŋˑa] ‘forchetta’, libertæ [libɛrˈtɛː] ‘libertà’, tron [ˈtruŋ] ‘tuono’). La flessione nominale, ossia l’utilizzo di desinenze, consente la distinzione tra singolare e plurale (numero) e tra maschile e femminile (genere).

  2. I nomi si possono suddividere in classi diverse:

    1. I nomi propri determinano un particolare esemplare di una categoria: o Gioan [u ˈdʒwaŋ] ‘Giovanni’, a Cattæn [a kaˈtɛŋ] “Caterina’ (nomi propri di persona), Zena [ˈzeːna] ‘Genova’, Saña [ˈsaŋˑa] ‘Savona’ (nomi propri di città) a Ponçeivia [a puŋˈsejvja] ‘il Polcevera’, o Besagno [u beˈzaɲˑu] ‘il Bisagno’ (nomi propri di fiume), ecc.

    2. I nomi comuni indicano i membri di una categoria in generale: formigoa [furˈmiɡwa] ‘formica’, carega [kaˈreːɡa] ‘sedia’, cianta [ˈtʃaŋta] ‘pianta’, òmmo [ˈɔmˑu] ‘uomo’.

    3. I nomi collettivi indicano un insieme di individui: gente [ˈdʒeŋte] ‘gente’, sciammo [ˈʃamˑu] ‘sciame’, streuppa [ˈstrøpˑa] ‘gregge’, pellotton [peluˈtuŋ] ‘plotone’, steu [ˈstøː] ‘flotta’.

  3. I nomi propri di artista o di personalità possono determinarne l’opera nell’insieme (a poexia do mâ inte Cavalli [a pweːˈʒiːa du ˈmaː ˈiŋte kaˈvalˑi] ‘la poesia del mare in Cavalli’), o un esemplare dell’opera stessa (in casa o gh’à un Magnasco [iŋ ˈkaːza u ɡ ˈa ŋ maˈɲasku]) ‘in casa ha un[a tela del] Magnasco’).

  4. I nomi possono essere distinti tra concreti e astratti:

    1. I primi si riferiscono a cose reali, ossia a tutti i concetti direttamente percepibili dai sensi, come dònna [ˈdɔnˑa] ‘donna’, beu [ˈbøː] ‘bue’, töa [ˈtɔːa] ‘tavolo’.

    2. I nomi astratti riguardano concetti che la mente può rappresentarsi solo idealmente e qualità non percepibili dai sensi, come amô [aˈmuː] ‘amore’, giustiçia [dʒysˈtisˑja] ‘giustizia’, önô [ɔːˈnuː] ‘onore’. Vi sono nomi astratti, che in particolari accezioni possono assumere un significato concreto: o l’é un amô de figgeu [u l ˈe n aˈmuː de fiˈdʒøː] ‘è un amore di bambino’.
  5. Molte parole, pur appartenendo ad altre categorie grammaticali, possono assumere la funzione di nomi senza modificare la loro forma (uso sostantivato):

    • into parlâ o s’imponta [ˈiŋtu parˈlaː u s iŋˈpuŋta] ‘quando parla è impacciato’ (verbo sostantivato);

    • o perché no o sò [u pɛrˈke nuː ˈsɔ] ‘il perché (il motivo) lo ignoro’ (avverbio sostantivato);

    • o brutto o l’é che ceuve [u ˈbrytˑu u l ˈe ke ˈtʃøːve] ‘il brutto è che sta piovendo’ (aggettivo sostantivato);

    • i mæ son za vegi [i ˈmɛː ˈsuŋ za ˈveːdʒi] ‘i miei [genitori] sono anziani (pronome sostantivato).

Genere del nome

  1. Il nome può essere maschile o femminile. Occorre però fare una distinzione tra genere reale, che corrisponde effettivamente al sesso (meistro [ˈmejstru] ‘maestro’ / meistra [ˈmejstra] ‘maestra’, can [ˈkaŋ] ‘cane’ / cagna [ˈkaɲˑa] ‘cagna’), e genere grammaticale, dovuto a una convenzione in virtù della quale risultano maschili parole come pensceo [penˈʃeːu] ‘pensiero’ releuio [reˈløːju] ‘orologio’ o [ˈmaː] ‘mare’, femminili sostantivi come carega [kaˈreːɡa] ‘sedia’, sciô [ˈʃuː] ‘fiore’ o scatoa [ˈskatwa] ‘scatola’.

  2. La ripartizione delle parole tra maschile e femminile appare talvolta condizionata dall’appartenenza a categorie convenzionali: ad esempio, i nomi dei mesi sono tutti maschili; altre serie di nomi sono invece costituite solo, o in gran parte, da nomi femminili. Queste classificazioni variano naturalmente da lingua a lingua: in genovese i nomi dei frutti, ad esempio, tendono per lo più a essere maschili (çetron [seˈtruŋ] ‘arancio’, bricòccalo [briˈkɔkalu] ‘albicocca’, pei [ˈpej] ‘pera’, mei [ˈmej] ‘mela’, persego [ˈpɛːrsegu] ‘pesca’), in italiano sono per lo più femminili.

  3. Il genere viene evidenziato dalla terminazione del nome. Sono maschili i nomi in -⟨o⟩ (l’òmmo [l ˈɔmˑu] ‘l’uomo’, o caro [u ˈkaːru] ‘il carro’, l’öo [l ˈɔːu] ‘l’oro’), in -⟨ô⟩ (o pastô [u pasˈtuː] ‘il pastore’, o fô [u ˈfuː] ‘il rumore’; ma a sciô [a ˈʃuː] ‘il fiore’), in -⟨ò⟩ (o landò [u laŋˈdɔ] ‘il calesse’), in -⟨ou⟩ (o pescou [u pesˈkɔw] ‘il pescatore’, o cugnou [u kyˈɲɔw] ‘il cognato’), in -⟨è⟩ (o cafè [u kaˈfɛ] ‘il caffè), in -⟨ê⟩ (o barbê [u barˈbeː] ‘il barbiere’, o cantê [u kaŋˈteː] ‘il cantiere’), in -⟨ei⟩ (o piaxei [u pjaˈʒej] ‘il piacere’); i nomi con la desinenza in -⟨a⟩ sono per lo più femminili (a dònna [ˈdɔnˑa] ‘la donna’, l’oa [l ˈuːa] ‘l’ora’, a vitta [a ˈvitˑa] ‘la vita’; ma o poeta [u ˈpweːta] ‘il poeta’, o pægua [u ˈpɛːɡwa] ‘l’ombrello’); sono femminili, per lo più, i nomi che finiscono in -⟨i⟩ (a crixi [a ˈkriːʒi] ‘la crisi’, l’analixi [l aˈnaliʒi] ‘l’analisi’; ma o brindixi [u ˈbriŋdiʒi] ‘il brindisi’), -⟨æ⟩ (a libertæ [a liberˈtɛː] ‘la libertà’, a çittæ [a siˈtɛː] ‘la città’; ma o bæ [u ˈbɛː] ‘l’agnello’) e in -⟨ù⟩ (a scciavitù [a ʃtʃaviˈty] ‘la schiavitù’, a virtù [a virˈty] ‘la virtù’; ma o mù [u ˈmy] ‘il mulo’); i nomi in -⟨e⟩ e in -⟨n⟩ possono essere sia maschili che femminili (o dente [u ˈdeŋte] ‘il dente’, e gente [e ˈdʒeŋte] ‘la gente’, o fren [u ˈfreŋ] ‘il freno’, a man [a ˈmaŋ] ‘la mano’, o condiggion [u kuŋdiˈdʒuŋ] ‘l’insalata’, a canson [a kaŋˈsuŋ] ‘la canzone’, o campanin [u kaŋpaˈniŋ] ‘il campanile’); di genere variabile sono anche gli altri nomi che finiscono in vocale tonica (o fornâ [u furˈnaː] ‘il fornaio’, a zoncâ [a zuŋˈkaː] ‘la giuncata’, o barchî [u barˈkiː] ‘la fontana’, a barî [a baˈriː] ‘il barile’, o meu [u ˈmøː] ‘il molo’, a seu [a ˈsøː] ‘la sorella’, e così via).

Formazione del femminile

  1. La formazione del femminile si verifica solo nei casi in cui rifletta il genere naturale: o figgio [u ˈfidʒˑu] ‘il figlio’, a figgia [a ˈfidʒˑa] ‘la figlia’. Negli altri casi, i nomi maschili hanno con i corrispondenti femminili solo una più o meno stretta analogia di significato.

  2. Alcune parole cambiano significato a seconda che presentino genere maschile o femminile: a banca [a ˈbaŋka] ‘la panca’, o banco [u ˈbaŋku] ‘il banco’; si danno anche casi di parole uguali nella forma ma diverse per genere e significato: o barba [u ˈbaːrba] ‘lo zio’ e a barba [a ˈbaːrba] ‘la barba’, o canâ [u kaˈnaː] ‘il canale’ e a canâ [a kaˈnaː] ‘la gronda’, e così via.

  3. I nomi che al maschile terminano in -⟨o⟩ formano il femminile con la desinenza -⟨a⟩: amigo [aˈmiːɡu] ‘amico’ / amiga [aˈmiːɡa] ‘amica’, figgio [ˈfidʒˑu] ‘figlio’ / figgia [ˈfidʒˑa] ‘figlia’, meistro [ˈmejstro] ‘maestro’ / meistra [ˈmejstra] ‘maestra’, mego [ˈmeːɡu] ‘medico’ / mega [ˈmeːɡa] ‘donna medico’, seuxoo [ˈsøːʒuː] ‘suocero’ / seuxoa [ˈsøːʒwa] ‘suocera’, ecc.

  4. I rari nomi maschili che terminano in -⟨a⟩ formano il femminile con l’aggiunta della desinenza -⟨essa⟩ [ˈesˑa]: poeta [ˈpweːta] ‘poeta’ / poetessa [pweˈtesˑa] ‘poetessa’, ducca [ˈdykˑa] ‘duca’ / ducchessa [dyˈkesˑa] ‘duchessa’; fanno eccezione neologismi invariabili come collega [kuˈleːɡa] ‘collega’, giòmetra [ˈdʒɔmetra] ‘geometra’, e così via.

  5. Per quel che riguarda i nomi maschili che finiscono in vocale tonica:

    1. quelli che terminano in -⟨â⟩ cambiano la desinenza in -⟨æa⟩: leitâ [lejˈtaː] ‘lattaio’ / leitæa [lejˈtɛːa] ‘lattaia’;

    2. quelli che terminano in -⟨ê⟩ formano il femminile con la desinenza -⟨ea⟩ [eːa]: portê [purˈteː] ‘portinaio’ / portea [purˈteːa] ‘portinaia’;

    3. quelli che terminano in -⟨eu⟩ aggiungono una -⟨a⟩: figgeu [fiˈdʒøː] ‘bambino’ / figgeua [fiˈdʒøːa] ‘bambina’;

    4. quelli che terminano in -⟨ô⟩ formano il femminile con la desinenza -⟨oa⟩: professô [prufeˈsuː] ‘professore’ / professoa [prufeˈsuːa] ‘professoressa’; nell’uso corrente, per influsso dell’italiano, si sentono anche plurali con la desinenza -⟨essa⟩ (professoessa [prufesuˈesˑa] ‘professoressa’), -⟨ixe⟩ (attô [aˈtuː] ‘attore’ / attrixe [aˈtriːʒe] ‘attrice’ o addirittura -⟨ice⟩;

    5. i nomi in -⟨ou⟩ cambiano la desinenza in -⟨â⟩ cugnou [kyˈɲɔw] ‘cognato’ / cugnâ [kyˈɲaː] ‘cognata’.

  6. I nomi che al maschile terminano in -⟨n⟩ assumono al femminile la desinenza -⟨ña⟩: baccan [baˈkaŋ] ‘padrone’ / baccaña [baˈkaŋˑa] ‘padrona’.

  7. Diversi nomi formano il femminile in maniera peculiare a partire dalla stessa radice del maschile: gallo [ˈɡalˑu] ‘gallo’ / galliña [ɡaˈliŋˑa] ‘gallina’, ase [ˈaːze] ‘asino’ / asenetta [azeˈnetˑa] ‘asina’, abbou [aˈbɔw] ‘abate’ / abbadessa [abaˈdesˑa] ‘badessa’, can [ˈkaŋ] ‘cane’ / cagna [ˈkaɲˑa] ‘cagna’, re [ˈrɛ] ‘re’ / regiña [reˈdʒiŋˑa] ‘regina’, e così via.

Nomi indipendenti

  1. Si tratta di nomi nei quali il maschile e il femminile si formano da radici diverse. Tra questi si contano diversi nomi di persona e di parentela: fræ [ˈfrɛː] ‘fratello’ / seu [ˈsøː] ‘sorella’, zenne [ˈzenˑe] ‘genero’ / neua [ˈnøːa] ‘nuora’, barba [ˈbarba] ‘zio’ / lalla [ˈlalˑa] ‘zia’, neo [ˈneːu] ‘nipote’ maschio / nessa [ˈnesˑa] ‘nipote’ femmina, poæ [ˈpwɛː] ‘padre’ / moæ [ˈmwɛː] ‘madre’, papà [paˈpa] ‘papà’ / mamà [maˈma] ‘mamma’, òmmo [ˈɔmˑu] ‘uomo’ / dònna [ˈdɔnˑa] ‘donna’; sono indipendenti anche alcuni nomi di animali come pòrco [ˈpɔːrku] o ghinno [ɡinˑu] ‘maiale’ / treua [ˈtrøːa] ‘scrofa’, æo [ˈɛːu] ‘montone’ / pegoa [ˈpeːɡwa] ‘pecora’, becco [ˈbekˑu] ‘capro’ / crava [ˈkraːva] ‘capra’, töo [ˈtɔːu] ‘toro’ / vacca [ˈvakˑa] ‘vacca’. In vari casi, nei nomi di animale si ha un’unica forma maschile o femminile che designa tanto l’animale maschio quanto la femmina: ania [ˈanˑja] ‘anatra’, baleña [baˈleŋˑa] ‘balena’, grillassa [ɡriˈlasˑa] ‘cavalletta’, gambao [ˈɡaŋbɔw] ‘gambero’, gritta [ˈɡritˑa] e foulo [ˈfɔwlu] ‘granchio’, roscigneu [ruʃiˈɲøː] ‘usignolo’, vorpe [ˈvuːrpe] ‘volpe’ ecc.; in questi casi la distinzione può essere eventualmente realizzata con circonlocuzioni del tipo o masccio de l’ania [u ˈmaʃtʃu de l ˈanˑja] ‘l’anatra maschio’, a femina do gambao [a ˈfemina du ˈɡaŋbɔw] ‘il gambero femmina’, e così via. Casi analoghi si verificano per i nomi di professioni nei quali manca tradizionalmente la forma femminile: unna dònna giudiçe [ˈina ˈdɔnˑa ˈdʒydise] ‘una donna giudice’.

Nomi di genere comune

  1. Sono nomi che hanno un’unica forma nel maschile e nel femminile. Il genere viene allora specificato dall’articolo o da un aggettivo, oppure si desume dal contesto: o l’é un bon artista [u l ˈe iŋ ˈbun arˈtista] ‘è un bravo artista’, a l’ea insemme a-a sò collega [a l ˈeːa iŋˈsemˑe a ˈsɔ kuˈleːɡa] ‘era in compagnia della sua collega’.

Femminile dei nomi propri

  1. Nella formazione dei nomi propri, il femminile segue le regole valide per i nomi comuni, tranne nei casi in cui, a causa dell’uscita in -⟨a⟩ del nome maschile, si ricorre a una desinenza diminutiva: o Nicòlla [u niˈkɔlˑa] ‘Nicola’ / a Nicolletta [a nikuˈletˑa] ‘Nicoletta’, l’Andria [l aŋˈdriːa] ‘Andrea’ / l’Andrietta [l aŋˈdrjetˑa] ‘Andreina’. Nella vasta gamma di variazioni suffissali di carattere diminutivo o vezzeggiativo che i nomi propri genovesi possono subire, appaiono anche forme femminili che presentano un’anomala desinenza in -⟨o⟩: a Manitto [a maˈnitˑu] ‘diminutivo di Manena[maˈneːna] ‘Maddalena’, a Reuso [a ˈrøːzu] ‘Rosa’, a Texo [a ˈteːʒu] ‘Teresa’. Si ricordi che in genovese anche i cognomi possono variare nel genere (come del resto nel numero), e che quindi, dove è possibile, esistono forme femminili per cognomi quali Pravexin [praveˈʒiŋ] ‘Pallavicini’ (Pravexiña [praveˈʒiŋˑa]), Schenon [skeˈnuŋ] ‘Schenone’ (Schenoña [skeˈnuŋˑa]), e così via.

Numero del nome

  1. Singolare e plurale indicano rispettivamente un singolo individuo (o una collettività intesa come insieme omogeneo: a famiggia [a faˈmidʒˑa] ‘la famiglia’), o una pluralità di individui (o di collettività: e famigge [e faˈmidʒˑe] ‘le famiglie’). Il plurale viene identificato attraverso una specifica terminazione.

Formazione del plurale dei nomi in -a

  1. I nomi maschili in -⟨a⟩ formano il plurale con la desinenza -⟨i⟩ o barba [u ˈbarba] ‘lo zio’ / i barbi [i ˈbarbi] ‘gli zii’, o pægua [u ˈpɛːɡwa] ‘l’ombrello’ / i pægui [i ˈpɛːɡwi] ‘gli ombrelli’, o pappa [u ˈpapˑa] ‘il papa’ / i pappi [i ˈpapˑi] ‘i papi’. Fanno eccezione nomi normalmente femminili che possono assumere in determinati contesti il genere maschile, e che in questo caso sono invariabili al plurale: o bestia [u ˈbestja] ‘l’animale maschio’ / i bestia [i ˈbestja] ‘gli animali maschi’. Le terminazioni -⟨ca⟩ e -⟨ga⟩ di nomi maschili o invariabili si modificano rispettivamente in -⟨chi⟩ e -⟨ghi⟩ per il plurale: o monarca [u muˈnaːrka] ‘“il monarca’ / i monarchi [i muˈnaːrki] ‘i monarchi’, o collega [u kuˈleːɡa] ‘il collega’ / i colleghi [i kuˈleːɡi] ‘i colleghi’.

  2. I nomi femminili in -⟨a⟩ formano il plurale in -⟨e⟩: a barba [a ˈbarba] ‘la barba’ / e barbe [e ˈbarbe] ‘le barbe’, a cantia [a ˈkaŋtja] ‘il cassetto’ / e cantie [e ˈkaŋtje] ‘i cassetti’, a poia [a ˈpwiːa] ‘la paura’ / e poie [e ˈpwiːe] ‘le paure’, a portea [a purˈteːa] ‘la portinaia’ / e portee [e purˈteːe] ‘le portinaie’, l’aa [l ˈaːa] ‘l’ala’ / e ae [e ˈaːe] ‘le ali’, e così via. I nomi femminili singolari che terminano in -⟨cia⟩ e -⟨gia⟩ hanno al plurale le desinenze -⟨ce⟩ e -⟨ge⟩: a faccia [a ˈfatʃˑa] ‘la faccia’ / e facce [e ˈfatʃˑe] ‘le facce’, a famiggia [a faˈmidʒˑa] ‘la famiglia’ / e famigge [e faˈmidʒˑe] ‘le famiglie’; i nomi femminili in -⟨ca⟩ e -⟨ga⟩ hanno al plurale le desinenze -⟨che⟩ e -⟨ghe⟩: a bocca [a ˈbukˑa] ‘la bocca’ / e bocche [e ˈbukˑe] ‘le bocche’, a cheuga [a ˈkøːɡa] ‘la cuoca’ / e cheughe [e ˈkøːɡe] ‘le cuoche’.

  3. I nomi di genere comune seguono le stesse regole, e modificano la desinenza in -⟨i⟩ o -⟨e⟩ a seconda che indichino pluralità di individui maschili o femminili: o giornalista [u dʒurnaˈlista] ‘giornalista’ / i giornalisti [i dʒurnaˈlisti] ‘i giornalisti’ / e giornaliste [e dʒurnaˈliste] ‘le giornaliste’.

Formazione del plurale dei nomi in -o

  1. I nomi maschili in -⟨o⟩ formano il plurale in -⟨i⟩ baxo [u ˈbaːʒu] ‘il bacio’ / i baxi [i ˈbaːʒi] ‘i bact’, o caro [u ˈkaːru] ‘il carro’ / i cari [i ˈkaːri] ‘i carri’, o teito [u ˈtejtu] ‘il tetto’ / i teiti [i ˈtejti] ‘i tetti’, o bandio [u baŋˈdiːu] ‘il bandito’ / i bandii [i baŋˈdiːi] ‘i banditi’, l’erboo [l ˈɛːrbuː] ‘l’albero’ / i erboi [j ˈɛːrbwi] ‘gli alberi’, l’öo [ˈɔːu] ‘l’oro’ / i öi [j ˈɔːi] ‘gli ori’ e così via. Un caso particolare è offerto dalle parole in -⟨ao⟩ come succao ‘zucchero’, çeixao ‘cece’; la desinenza del plurale è regolare (succai ‘zuccheri’, çeixai ‘ceci’), ma alla pronuncia del singolare come [ˈsykˑɔw], [ˈsejʒɔw] corrisponde il plurale [ˈsykˑaj], [ˈsejʒaj], e così via (cfr. II. 55.). Anche il plurale dei nomi in -⟨io⟩ con [i] è -⟨i⟩: osservatöio [uservaˈtɔːju] ‘osservatorio’ / osservatöi [uservaˈtɔːi] ‘osservatori’, releuio [reløːju] ‘orologio’ / releui [reløːi] ‘orologi’, viçio [ˈvisˑju] ‘abitudine’ / viçi [ˈvisˑi] ‘abitudini’; allo stesso modo si comportano, naturalmente, anche i nomi in cui la presenza di una -⟨i⟩- nella desinenza è pura convenzione grafica: niccio [ˈnitʃˑu] ‘nicchia’ / nicci [ˈnitʃˑi] ‘nicchie’, formaggio [furˈmadʒˑu] ‘formaggio’ / formaggi [furˈmadʒˑi] ‘formaggi’, spegio [ˈspeːdʒu] ‘specchio’ / spegi [ˈspeːdʒi] ‘specchi’, pescio [ˈpeʃˑu] ‘pesce’ / pesci [ˈpeʃˑi] ‘pesci’, e così via. I nomi in -⟨co⟩ e -⟨go⟩ formano la desinenza del plurale con -⟨chi⟩ e -⟨ghi⟩: tòcco [ˈtɔkˑu] ‘pezzo’ / tòcchi [ˈtɔkˑi] ‘pezzi’, erco [ˈɛːrku] ‘arco’ / erchi [ˈɛːrki] ‘archi’, mego [ˈmeːɡu] ‘medico’ / meghi [ˈmeːɡi] ‘medici’, feugo [ˈføːɡu] ‘fuoco’ / feughi [ˈføːɡi] ‘fuochi’, e così via. Tale regola vale anche per le parole dotte e i neologismi (i Magnifichi [i maˈɲifiki] ‘il ceto nobile’, teòloghi [teɔˈluɡi] ‘teologi’, archeòloghi [arkeɔˈluɡi] ‘archeologi’ ecc.), anche se è antica la tendenza, per influsso dell’italiano, a formare plurali in -⟨ci⟩ o -⟨gi⟩.

  2. Un’eccezione è costituita dalle parole amigo [aˈmiːɡu] ‘amico’ e nemigo [neˈmiːɡu] ‘nemico’, i cui plurali sono rispettivamente amixi [aˈmiːʒi] e nemixi [neˈmiːʒi].

  3. I nomi che terminano al singolare in -⟨o⟩ preceduta da -⟨s⟩- [s], -⟨ss⟩-, terminano al plurale in -⟨sci⟩: cäso [ˈkaːsu] ‘calcio’ / cäsci [ˈkaːʃi] ‘calci’, passo [ˈpasˑu] ‘passo’ / pasci [ˈpaʃˑi] ‘passi’. Fanno frequentemente eccezione i nomi che derivano dalle forme latine in -aceu, il cui plurale è in -⟨ssi⟩: scoasso [ˈskwasˑu] ‘strofinaccio’ / scoassi [ˈskwasˑi], paggiasso [paˈdʒasˑu] ‘pagliaccio’ / paggiassi [paˈdʒasˑi] ‘pagliacci’.

  4. Molti nomi che terminano al singolare in -⟨o⟩ preceduto da -⟨s⟩- [z], modificano tale suono in -⟨x⟩-: o naso [u ˈnaːzu] ‘il naso’ / i naxi [i ˈnaːʒi] ‘i nasi’, o vaso [u ˈvaːzu] ‘il vaso’ / i vaxi [i ˈvaːʒi] ‘i vasi’.

  5. Per influsso dell’italiano, nei casi di cui ai paragrafi 25 e 26 si stanno sempre più diffondendo plurali del tipo i cäsi [i ˈkaːsi] i passi [i ˈpasˑi], i nasi [i ˈnaːzi], i vasi [i ˈvaːzi].

  6. I nomi in -⟨eiso⟩ cambiano al plurale tale desinenza in -⟨eixi⟩: peiso [ˈpejzu] ‘peso’ / peixi [ˈpejʒi] ‘pesi’.

Cambiamento di genere al plurale dei nomi in -o

  1. Alcuni nomi maschili in -⟨o⟩ sono femminili al plurale, e hanno la desinenza -⟨e⟩: l’euvo [l ˈøːvu] ‘l’uovo’ / e euve [e ˈøːve] ‘le uova’, o carcagno [u karˈkaɲˑu] ‘il calcagno’ / e carcagne [e karˈkaɲˑe] ‘i calcagni’, o dio [u ˈdiːu] ‘il dito’ / e die [e ˈdiːe] ‘le dita’, o lerfo [u ˈlɛːrfu] ‘il labbro’ / e lerfe [e ˈlɛːrfe] ‘le labbra’, o zenoggio [u zeˈnudʒˑu] ‘il ginocchio’ / e zenogge [e zeˈnudʒˑe] ‘le ginocchia’, l’òsso [ˈɔsˑu] ‘l’osso’ / e òsse [e ˈɔsˑe] ‘le ossa’, o brasso [u ˈbrasˑu] ‘il braccio’ / e brasse [e ˈbrasˑe] ‘le braccia’, e così via.

  2. Alcuni nomi hanno il singolare maschile e due forme per il plurale, una maschile e una femminile, che presentano in genere significati diversi: o legno [u ˈleɲˑu] ‘il legno’ / i legni [i ˈleɲˑi] ‘i pezzi di legno’ / e legne [e ˈleɲˑe] ‘la legna’; o còrno [u ˈkɔːrnu] ‘il corno’ / i còrni [i ˈkɔːrni] ‘i corni’ / e còrne [e ˈkɔːrne] ‘le corna’, l’òsso [l ˈɔsˑu] ‘l’osso’ / i òsci [j ˈɔʃˑi] ‘gli ossi’ / e òsse [e ˈɔsˑe] ‘le ossa’, ecc.

Nomi in -e

  1. I nomi maschili in -⟨e⟩ formano il plurale con la desinenza -⟨i⟩: monte [ˈmuŋte] ‘monte’ / monti [ˈmuŋti] ‘monti’, ponte [ˈpuŋte] ‘ponte’ / ponti [ˈpuŋti] ‘ponti’, petene [ˈpeːtene] ‘pettine’ / peteni [ˈpeːteni] ‘pettini’, e così via.

  2. I nomi maschili in -⟨aise⟩ ed -⟨eise⟩ cambiano al plurale la desinenza in -⟨aixi⟩ ed -⟨eixi⟩: paise [ˈpajze] ‘paese’ / paixi [ˈpajʒi] ‘paesi’, meise [ˈmejze] ‘mese’ / meixi [ˈmejʒi] ‘mesi’.

  3. Il nome ase [ˈaːze] ‘asino’ ha il plurale axi [ˈaːʒi] ‘asini’.

  4. I nomi femminili che hanno il singolare in -⟨e⟩ non mutano la desinenza al plurale: a luxe [a ˈlyːʒe] ‘la luce’ / e luxe [e ˈlyːʒe] ‘le luci’, a çenie [a ˈsenje] ‘la cenere’ / e çenie [e ˈsenje] ‘le ceneri’, a ciave [a ˈtʃaːve] ‘la chiave’ / e ciave [e ˈtʃaːve] ‘le chiavi’, l’arte [l ˈaːrte] ‘l’arte’ / e arte [e ˈaːrte] ‘le arti’, a tore [a ˈtuːre] ‘la torre’ / e tore [e ˈtuːre] ‘le torri’, e così via. È dovuto all’influsso dell’italiano, ma abbastanza diffuso, l’uso di plurali in -⟨i⟩ (e luxi [e ˈlyːʒi], e ciavi [e ˈtʃaːvi] ecc.).

  5. I nomi femminili in -⟨eise⟩, formano il plurale con la desinenza -⟨eixi⟩: a zeneise [a zeˈnejze] ‘la donna genovese’ / e zeneixi [e zeˈnejʒi] ‘le donne genovesi’.

Nomi in -i

  1. Sono invariabili: o brindixi [u ˈbriŋdiʒi] ‘il brindisi’ / i brindixi [i ˈbriŋdiʒi] ‘i brindisi’, a crixi [a ˈkriːʒi] ‘la crisi’ / e crixi [e ˈkriːʒi] ‘le crisi’.

Nomi che terminano in vocale tonica, in dittongo o in -n

  1. I nomi maschili e femminili in -⟨à⟩ e in -⟨â⟩ assumono al plurale la desinenza -⟨æ⟩: o papà [u paˈpa] ‘il papà’ / i papæ [i paˈpɛː] i papa, a mamà [a maˈma] ‘la mamma’ / e mamæ [e maˈmɛː] ‘le mamme’, o portâ [u purˈtaː] ‘il portale’ / i portæ [i purˈtɛː] ‘i portali’ o scösâ [u skɔːˈsaː] ‘il grembiule’ / i scösæ [i skɔːˈsɛː] ‘i grembiuli’, a canâ [a kaˈnaː] ‘la gronda’ / e canæ [e kaˈnɛː] ‘le gronde’.

  2. Fanno eccezione o pâ [u ˈpaː] ‘il paio’, il cui plurale è e poæa [e ˈpwɛːa] ‘le paia’, o çentanâ [u seŋtaˈnaː] ‘il centinaio’ che ha e centanæa [e seŋtaˈnɛːa] ‘centinaia’, o miggiâ [u miˈdʒaː] ‘il migliaio’ che ha e miggiæa [e miˈdʒɛːa] ‘migliaia’, tutti con passaggio dal maschile al femminile; il plurale di [ˈmaː] ‘male’ e di [ˈmaː] ‘mare’ è moæ [ˈmwɛː] nella forma più genuina; nell’uso corrente, tuttavia, tali nomi non variano al plurale la loro forma.

  3. I nomi maschili in -⟨an⟩ assumono al plurale la desinenza -en: villan [viˈlaŋ] ‘contadino’ / villen [viˈleŋ] ‘contadini’, can [ˈkaŋ] ‘cane’ / chen [ˈkeŋ] ‘cani’, guardian [ɡwarˈdjaŋ] ‘guardiano’ / guardien [ɡwarˈdjeŋ] ‘guardiani’.

  4. Fa eccezione o pan [u ˈpaŋ] ‘pane’, il cui plurale è i poæn [i ˈpwɛŋ] ‘pani’. Il nome femminile a man [a ˈmaŋ] ‘la mano’ ha il plurale e moæn [e ˈmwɛŋ] ‘le mani’; nell’uso è però diffusa anche la forma e man [e ˈmaŋ].

  5. I nomi maschili e femminili in -⟨æ⟩ non mutano desinenza al plurale: o bæ [u ˈbɛː] ‘l’agnello’ / i bæ [i ˈbɛː] ‘gli agnelli’, o poæ [u ˈpwɛː] ‘il padre’ / i poæ [i ˈpwɛː] ‘i padri’, a moæ [a ˈmwɛː] ‘la madre’ / e moæ [e ˈmwɛː] ‘le madri’, a veitæ [a vejˈtɛː] ‘la verità’ / e veitæ [e vejˈtɛː] ‘le verità’.

  6. I nomi maschili in -⟨ê⟩ e in -⟨è⟩ non mutano la desinenza al plurale: o papê [u paˈpeː] ‘la carta’ / i papê [i paˈpeː] ‘le carte’, o portê [u purˈteː] ‘il portinaio’ / i portê [i purˈteː] ‘i portinai’, o cafè [u kaˈfɛ] ‘il caffè’ / i cafè [i kaˈfɛ] ‘i caffè’.

  7. I nomi in -⟨ei⟩ sono invariabili: o piaxei [u pjaˈʒej] ‘il piacere’ / i piaxei [i pjaˈʒej] ‘i piaceri’, o dovei [u duˈvej] ‘il dovere’ / i dovei [i duˈvej] ‘i doveri’. Il plurale di mei [ˈmej] ‘mela’ e ‘melo’ e di pei [ˈpej] ‘pera’ e ‘pero’ ha due forme: i mei [i ˈmej], e meie [e ˈmejˑe] ‘le mele’, i pei [i ˈpej], e peie [e ˈpejˑe] ‘le pere’.

  8. I nomi in -⟨en⟩ e -⟨æn⟩ sono invariabili: o fren [u ˈfreŋ] ‘il freno’ / i fren [i ˈfreŋ] ‘i freni’, l’assæn [l aˈsɛŋ] ‘l’acciarino’ / i assæn [j aˈsɛŋ] ‘gli acciarini’.

  9. I nomi maschili e femminili in -⟨eu⟩ sono invariabili: o beu [u ˈbøː] ‘il bue’ / i beu [i ˈbøː] ‘i buoi’, o roscigneu [u ruʃiˈɲøː] ‘l’usignolo’ / i roscigneu [i ruʃiˈɲøː] ‘gli usignoli’, a seu [a ˈsøː] ‘la sorella’ / e seu [e ˈsøː] ‘le sorelle’.

  10. Sono invariabili i nomi in -⟨î⟩: o patî [u paˈtiː] ‘il capogiro’ / i patî [i paˈtiː] ‘i capogiri’, o barchî [u barˈkiː] ‘la fontana’ / i barchî [i barˈkiː] ‘le fontane’.

  11. Sono invariabili i nomi in -⟨in⟩: o campanin [u kaŋpaˈniŋ] ‘il campanile’ / i campanin [i kaŋpaˈniŋ] ‘i campanili’, o vin [u ˈviŋ] ‘il vino’ / i vin [i ˈviŋ] ‘i vini’.

  12. Sono invariabili i nomi maschili in -⟨ò⟩: o comò [u kuˈmɔ] ‘il comò’ / i comò [i kuˈmɔ] ‘i comò’, o fò [u ˈfɔ] ‘il faggio’ / i fò [i ˈfɔ] ‘i faggi’.

  13. I nomi maschili e femminili in -⟨ô⟩ cambiano al plurale la desinenza in -⟨oî⟩. o pastô [u pasˈtuː] ‘il pastore’ / i pastoî [i pasˈtwiː] ‘i pastori’, a sciô [a ˈʃuː] ‘il fiore’ / e scioî [e ˈʃwiː] ‘i fiori’.

  14. I nomi maschili e femminili in -⟨on⟩ cambiano al plurale la desinenza in -⟨oin⟩: o canton [u kaŋˈtuŋ] ‘l’angolo’ / i cantoin [i kaŋˈtwiŋ] ‘gli angoli’, a raxon [a raˈʒun] ‘la ragione’ / e raxoin [e raˈʒwin] ‘le ragioni’. Analogo il comportamento dei nomi in -⟨ion⟩, che conservano sempre la -⟨i⟩-, sia che renda effettivamente un suono, sia che si tratti di puro segno grafico: o campion [u kaŋˈpjuŋ] ‘il campione’ / i campioin [i kaŋˈpɥiŋ] ‘i campioni’, a trasmiscion [a trazmiˈʃuŋ] ‘la trasmissione’ / e trasmiscioin [e trazmiˈʃwiŋ)] ‘le trasmissioni’, o maggion [u maˈdʒuŋ] ‘il maglione’ / i maggioin [i maˈdʒwiŋ] ‘i maglioni’.

  15. La desinenza del plurale dei nomi maschili che terminano in -⟨ou⟩ è -⟨oei⟩: pescou [peˈskɔw] ‘pescatore’ / pescoei [peˈskwej] ‘pescatori’, lou [ˈlɔw] ‘lavoro’ / loei [ˈlwej] ‘lavori’, cugnou [kyˈɲɔw] ‘cognato’ / cugnoei [kyˈɲwej] ‘cognati’.

  16. I nomi maschili e femminili in -⟨ù⟩ sono invariabili: o mù [u ˈmy] ‘il mulo’ / i mù [i ˈmy] ‘i muli’, a scciavitù [a ʃtʃaviˈty] ‘la schiavitù’ / e scciavitù [e ʃtʃaviˈty] ‘le schiavitù’.

  17. I nomi maschili in -⟨un⟩ assumono al plurale la desinenza -⟨uin⟩: o zazzun [u zaˈzyŋ] ‘il digiuno’ / i zazzuin [i zaˈzɥiŋ] ‘i digiuni’.

Plurale dei nomi propri

  1. I plurali dei nomi propri seguono le stesse regole dei nomi comuni. Si ricordi che in genovese anche molti cognomi sono soggetti a flessione: Caviggia [kaˈvidʒˑa] ‘Caviglia’ / Caviggi [kaˈvidʒˑi] ‘diversi membri della famiglia Caviglia’, Schenon [skeˈnuŋ] ‘Schenone’ / Schenoin [skeˈnwiŋ] ‘diversi membri della famiglia Schenone’.

Plurale dei nomi composti

  1. I nomi formati dall’unione di due o più parole formano il plurale in maniera diversa a seconda del tipo e dell’ordine dei componenti, e a seconda del maggiore o minore grado di fusione dei componenti stessi: o pægua [u ˈpɛːɡwa] ‘l’ombrello’ / i pægui [i ˈpɛːɡwi] ‘gli ombrelli’, a ferrovia [a feruˈviːa] ‘la ferrovia’ / e ferrovie [e feruˈviːe] ‘le ferrovie’.

  2. I nomi composti formati a loro volta da due nomi modificano al plurale la desinenza di ambedue i componenti, qualora essi siano ancora riconoscibili come tali: o pescio can [u ˈpeʃˑu kaŋ] ‘il pescecane’ / i pesci chen [i ˈpeʃˑi keŋ] ‘i pescecani’; o pescio spâ [u ˈpeʃˑu spaː] ‘il pescespada’ / i pesci spæ [i ˈpeʃˑi spɛː] ‘i pescispada’.

  3. Allo stesso modo si comportano i nomi formati da un nome e un aggettivo: a casciafòrte [a ˌkaʃaˈfɔːrte] ‘la cassaforte’ / e cascefòrte [e ˌkaʃeˈfɔːrte] ‘le casseforti’, o mëzogiorno [u ˌmeːzuˈdʒuːrnu] ‘il mezzogiorno’ / i mëzigiorni [i ˌmeːzˈdʒuːrni] ‘i mezzogiorni’.

  4. I nomi formati da due aggettivi cambiano soltanto la desinenza del secondo componente: o sordomutto [u ˌsurduˈmytˑu] ‘il sordomuto’ / i sordomutti [i ˌsurduˈmytˑi] ‘i sordomuti’.

  5. I nomi composti da un verbo e da un nome al singolare assumono al plurale la regolare desinenza di quest’ultimo: o passapòrto [u ˌpasaˈpɔːrtu] ‘il passaporto’ / i passapòrti [i ˌpasaˈpɔːrti] ‘i passaporti’, o pösaçenie [u ˌpɔːsaˈsenˑje] ‘il portacenere’ / i pösaçenie [i ˌpɔːsaˈsenˑje] ‘i portacenere’, o porteuvo [u purˈtøːvu] ‘il portauova’ / i porteuve [i purˈtøːve] ‘i portauova’. Rimangono invariati i composti da un verbo e da un nome al plurale, come o portapene [u ˌpurtaˈpeːne] ‘il portapenne’ / i portapene [i ˌpurtaˈpeːne] ‘i portapenne’.