Conseggio pe-o patrimònio linguistico ligure

Conseggio ligure

Grammatica del genovese: IV. L’articolo

Di Fiorenzo Toso.
Pe-o momento o contegnuo de sta pagina o l’é à dispoxiçion solo che in lengua italiaña. Pe propòste de collaboraçion in sciâ traduçion da mæxima sciâ peuan scrivine à l’adresso info@conseggio-ligure.org.

Generalità

  1. L’articolo, sempre associato al nome (con il quale concorda in genere e numero) serve a qualificarlo in modo diverso (articolo determinativo o indeterminativo). La differenza tra articolo determinativo e indeterminativo sta nel fatto che il primo designa un nome in modo specifico, mentre il secondo lo designa in modo generico: o can [u ˈkaŋ] ‘il cane’ / un can [iŋ ˈkaŋ] ‘un cane’. In unione con una preposizione semplice, l’articolo determinativo dà origine alle preposizioni articolate. Oltre che con i nomi propri o comuni, l’articolo può essere impiegato con qualsiasi altra parte del discorso, che viene, attraverso di esso, sostantivata (cfr. III.5.).

Forme dell’articolo

  1. Le forme dell’articolo sono le seguenti:

    Articolo determinativo

    • maschile singolare o [u] ‘il’, ‘lo’, l’ [l] ‘l’’

    • femminile singolare a [a] ‘la’, l’ [l] ‘l’’

    • maschile plurale i [i] ‘i’, ‘gli’

    • femminile plurale e [e] ‘le’

    Articolo indeterminativo

    • maschile singolare un [iŋ], [yŋ] ‘un’, ‘uno’

    • femminile singolare unna [inˑa], [yŋˑa] ‘una’

  2. Gli articoli determinativi o [u] ed a [a] si usano davanti a qualsiasi consonante: o can [u ˈkaŋ] ‘il cane’, o spegio [u ˈspeːdʒu] ‘lo specchio’, a casa [a ˈkaːza] ‘la casa’, a giæa [a ˈdʒɛːa] ‘la ghiaia’, e così via; le forme l’ [l] si usano davanti a vocale: l’erco [l ˈɛːrku] ‘l’arco’, l’amiga [l aˈmiːga] ‘l’amica’, l’ægua [l ˈɛːɡwa] ‘l’acqua’, l’euvo [l ˈøːvu] ‘l’uovo’, ecc.; in alcuni casi, davanti a vocale si può avere o [u] , a [a] , quando ciò serva per dare particolare rilievo alla parola seguente: ciò avviene soprattutto con i nomi propri (es. o Aldo [u ˈaldu] ‘Aldo’, a Ada [a ˈaːda] ‘Ada’). Gli articoli determinativi plurali sono invariabili i chen [i ˈkeŋ] ‘i cani’, i erchi [i ˈɛːrki] ‘gli archi’, e case [e ˈkaːze] ‘le case’, e ægue [e ˈɛːɡwe] ‘le acque’, ecc.

  3. L’articolo indeterminativo maschile un [iŋ], [yŋ] è invariabile: un can [iŋ ˈkaŋ] ‘un cane’, un scceuppo [iŋ ˈʃtʃøpˑu] ‘un fucile’, un amigo [in aˈmiːɡu] ‘un amico’; l’articolo indeterminativo femminile unna [inˑa], [yŋˑa] si usa nella forma intera davanti a consonante (unna casa [inˑa kaːza] ‘una casa’), mentre può elidersi davanti a vocale (unn’amiga [in aˈmiːɡa] ‘un’amica’).

Particolarità di pronuncia dell’articolo determinativo e indeterminativo

  1. In realtà, davanti a vocale, e soprattutto davanti ad e, l’articolo determinativo femminile singolare e può assumere la pronuncia [i] o [j]. Tale pronuncia non viene però registrata, attualmente, nell’uso scritto: e erbe [j ˈɛːrbe] ‘le erbe’.

  2. Come si è visto, la pronuncia di un e unna non è riflessa esattamente dalla rappresentazione grafica, poiché oscilla in realtà tra [iŋ] e [yŋ] e [inˑa] e [yŋˑa]; nella grafia si è conservata solo la forma più vicina all’etimo, soprattutto per evitare confusioni e ambiguità. Nell’uso parlato, e occasionalmente in quello scritto, le forme dell’articolo indeterminativo possono subire varie elisioni; ciò accade per l’articolo maschile quando è preceduto da una parola che termina per vocale (da ‘n momento à l’atro [da ŋ muˈmeŋtu a l ˈaːtru] ‘da un momento all’altro’), e, per l’articolo femminile, in quella stessa posizione o anche all’inizio della frase: a l’é ‘na cösa ch’a no se deve fâ [a lˈe na ˈkɔːsa k a nu se ˈdeːve faː] ‘è una cosa che non va fatta’; ‘na vòtta ò l’atra ghe parlo [na ˈvɔtˑa ɔ l ˈaːtra ɡe ˈparlu] ‘una volta o l’altra gli parlerò’,’nn’amiga de sò seu [n aˈmiːɡa de sɔ ˈsøː] ‘un’ amica di sua sorella’, o l’é de ’nn’amiga de mæ moæ [u l e de n aˈmiːɡa de mɛː ˈmwɛː] ‘è di un’amica di mia madre’.

Uso dell’articolo determinativo

I. Funzione dimostrativa

  1. La funzione dell’articolo e della preposizione articolata si avvicina spesso a quella dei pronomi o aggettivi dimostrativi:

    1. nelle proposizioni che reggono una relativa limitativa: a frutta che l’é cheito [a frytˑa ke l e ˈkejtu] ‘la frutta (= quella frutta) che è caduta’, o giorno che l’ò visto cianze [u ˈdʒurnu ke l ɔ ˈvistu ˈtʃaŋze] ‘il giorno (= quel giorno) in cui lo vidi piangere’;

    2. in unione con un aggettivo, quando il sostantivo è sottinteso: o vin neuvo o l’é ciù bon che o vegio [u viŋ ˈnøːvu u l e tʃy buŋ kɔw ˈveːdʒu] ‘il vino nuovo è migliore del (= di quello) vecchio’;

    3. in espressioni di tempo: a stæ a finisce [a stɛː a fiˈniʃˑe] ‘l’estate (= questa estate) sta finendo’, ghe vaggo inta settemaña [ɡe ˈvaɡˑu iŋta seteˈmaŋˑa] ‘ci andrò durante la (= questa) settimana’.

II. Uso dell’articolo determinativo con i nomi propri

  1. Con nomi propri e soprannomi l’articolo è di norma necessario, tranne nelle espressioni esclamative e quando i nomi fanno parte del predicato: l’é vegnuo o Gioan [l e veˈɲyːu u ˈdʒwaŋ] ‘è venuto Giovanni’, l’à dito a Luisa [l a ˈdiːtu a ˈlwiːza] ‘lo ha detto Luisa’, o Balilla o l’à tiòu unna prionâ [u baˈlilˑa u l a tjɔw inˑa prjuˈnaː] ‘Balilla scagliò una sassata’, ma Zòrzo, vëgni chì! [ˈzɔːrzu ˈveːɲi ki] ‘Giorgio, vieni qui!’, ò Gioan, ti me senti? [ɔ ˈdʒwaŋ ti me ˈseŋti] ‘o Giovanni, mi senti?’, m’acciammo Benardo [m aˈtʃamˑu beˈnaːrdu] ‘mi chiamo Bernardo’. Nell’uso parlato, l’articolo si usa anche quando si deve pronunciare l’intero nome e cognome (o soprannome) di una persona: l’Andria o Caviggia o l’é ‘n mæ amigo [l aŋˈdriːa u kaˈvidʒˑa u l e ŋ mɛː aˈmiːɡu] ‘Andrea Caviglia è un mio amico’ (per i cognomi, cfr. il paragrafo successivo). L’articolo si omette invece, in genere, davanti al nome e cognome (o soprannome) di un personaggio illustre o letterario: Andria Döia o l’é dito o poæ da patria [aŋˈdriːa ˈdɔːja u l e ˈdiːtu u ˈpwɛː da ˈpaːtrja] ‘Andrea Doria fu chiamato padre della patria’, Steva De Franchi o l’é un poeta do Setteçento [ˈsteːva de ˈfraŋki u l e ŋ ˈpweːta du seteˈseŋtu] ‘Stefano De Franchi è un poeta del Settecento’.

III. Cognomi

  1. Davanti ai cognomi di persone contemporanee non illustri l’articolo è generalmente impiegato: o Parödi o m’à dito che passe da cà sò [u paˈrɔːdi u m a ˈdiːtu ke ˈpasˑe da ˈka ˈsɔ] ‘Parodi mi ha chiesto di passare da casa sua’, gh’é andæto o Carbon ascì [ɡ e aŋˈdɛːtu u karˈbuŋ aˈʃi] ‘c’è andato anche Carbone’; a Damonte a l’é brava à fâ i recammi [a daˈmuŋte a l e ˈbraːva a ˈfaː i reˈkamˑi] ‘la Damonte è brava nel ricamo’; si può indifferentemente inserire od omettere, invece, davanti ai cognomi di personalità illustri, o comunque note, di sesso maschile: Cavalli (oppure o Cavalli) o l’à scrito “A çìttara zeneise” [(u) kaˈvalˑi u l a ˈskriːtu a ˈsitara zeˈnejze] ‘Cavalli scrisse La cetra genovese’; è obbligatorio davanti ai cognomi di personaggi illustri femminili: a Loren a l’é unn’artista ch’a me gusta [a ˈlɔreŋ a l e n arˈtista ka me ˈgysta] ‘la Loren è un’attrice che mi piace’. L’articolo si usa sempre, al plurale, quando il cognome indica la famiglia nel suo insieme (i Döia [i ˈdɔːja] ‘la famiglia Doria’), due o più fratelli, una coppia di coniugi, e così via.

IV. Titoli

  1. Con i titoli onorifici o professionali accompagnati da un nome proprio (o cognome) l’articolo si comporta in maniera diversa:

    1. necessario con i titoli nobiliari e con sciô [ʃuː] ‘signore’, sciâ [ʃaː] ‘signora’, scignoriña [ʃiɲuˈriŋˑa] ‘signorina’, mego [ˈmeːɡu] ‘dottore in medicina’, dottô [duˈtuː] ‘dottore’, professô [prufeˈsuː] ‘professore’, avvocato [avuˈkaːtu] ‘avvocato’, inzegnê [iŋzeˈɲeː] ‘ingegnere’, e simili: o sciô Rava [u ʃuː ˈraːva] ‘il signor Rava’, a sciâ Texo [a ʃaː ˈteːʒu] ‘la signora Teresa’, o mego Gismondi [u ˈmeːɡu dʒizˈmuŋdi] ‘il dottor Gismondi’, o marcheise Spinoa [u marˈkejze ˈspinwa] ‘il marchese Spinola’, e così via.

    2. È assente davanti a præ [prɛː] ‘don’, fræ [frɛː] ‘fra’, seu [søː] ‘suor’, monscignô [muŋʃiˈɲuː] ‘monsignore’: præ Pedevilla [prɛː pedeˈvilˑa] ‘don Pedevilla’, fræ Françesco [frɛː fraŋˈsesku] ‘frate Francesco’, monscignô Tomaxo Reggio [muŋʃiˈɲuː tuˈmaːʒu redʒˑu] ‘monsignor Tomaso Reggio’, e così via; davanti a meistro [ˈmejstru] ‘maestro’ l’articolo è presente quando si vuole indicare un insegnante o musicista (o meistro De Barbieri [u ˈmejstru de barˈbjeːri] ‘il maestro De Barbieri’), assente quando indica un artigiano (meistro Tacco savattin [ˈmejstru ˈtakˑu savaˈtiŋ] ‘maestro Tacco ciabattino’); l’articolo si omette di regola davanti a santo [ˈsaŋtu] e san [saŋ] ‘santo’.

V. Nomi di luogo

  1. Con i nomi di luogo l’uso dell’articolo e della preposizione articolata è legato a consuetudini che non sempre appaiono riconducibili a norme generali.

    1. Paesi e città. Nella grande maggioranza dei casi l’articolo è assente. Lo richiedono alcuni nomi dei quali, in certo senso, l’articolo fa parte, come A Spezza [a ˈspezˑa] ‘La Spezia’, O Caro [u ˈkaːru] ‘Carro’, A Ceive de Söi [a ˈtʃejve de ˈsɔːi] ‘Pieve Ligure’, A Bordighea [a burdiˈɡeːa] ‘Bordighera’ ecc.; l’articolo può trovarsi con qualunque toponimo che sia accompagnato da determinazione: a Zena do Quattroçento [a ˈzeːna du kwatruˈseŋtu] ‘La Genova quattrocentesca’.

    2. Regioni, stati, continenti, isole. Come nei nomi di città, l’articolo è sempre presente con una determinazione (a Liguria de ponente [a liˈɡyːrja de puˈneŋte] ‘la Liguria di ponente’) e per lo più con l’aggettivo tutto [ˈtytˑu] ‘tutto’: a ne parla tutta l’Italia [a ne ˈpaːrla ˈtytˑa l iˈtalˑja] ‘ne parla tutta Italia’. Per il resto, generalmente l’articolo è presente quando il nome è usato come soggetto o come complemento oggetto (a Fransa a l’à tanti sciummi [a ˈfraŋsa a l ˈa ˈtaŋti ˈʃymˑi] ‘la Francia ha tanti fiumi’), ed è inglobato nella preposizione in tutti gli altri casi: e montagne da Svissea [e muŋˈtaɲˑe da ˈzvisea] ‘le montagne della Svizzera’, o va à stâ into Piemonte [u ˈva a ˈstaː ˈiŋtu pjeˈmuŋte] ‘va ad abitare in Piemonte’, o l’ea scappou inte l’Argentiña [u l ˈeːa skaˈpɔw ˈiŋte l ardʒeŋˈtiŋˑa] ‘era fuggito in Argentina’: l’articolo si ha anche in espressioni come a çittæ ciù grande de l’Italia [a siˈtɛː ˈtʃu ˈgraŋde de l iˈtalˑja], ‘la città più grande d’Italia’, a montagna ciù erta de l’Euröpa [a muŋˈtaɲˑa ˈtʃy ˈɛːrta de l ewˈrɔːpa] ‘il monte più alto d’Europa’. Vogliono l’articolo i nomi delle isole prospicienti la Liguria: a Gallinæa [a galiˈnɛːa] ‘l’isola Gallinara’, a Parmæa [a parˈmɛːa] ‘l’isola Palmaria’, o Tin [u ˈtiŋ] ‘l’isola del Tino’.

    3. Laghi, monti, mari, fiumi, strade, quartieri e monumenti. Queste categorie di toponimi richiedono in genere l’articolo: o Brugneto [u bryˈɲeːtu] ‘il (lago del) Brugneto’, o Beigua [u ˈbejɡwa] ‘il (monte) Beigua’, o Carmo [u ˈkarmu] ‘il (quartiere del) Carmine’, o Tirren [u tiˈreŋ] ‘il (mar) Tirreno’, a Ponçeivia [a puŋˈsejvja] ‘il (fiume) Polcevera’ e così via. Fanno eccezione Paxo [ˈpaːʒu] ‘il Palazzo (ducale)’ e i nomi delle chiese indicati con l’appellativo dei santi ai quali sono dedicate: San Loenso [saŋ ˈlweŋsu] ‘(la chiesa di) San Lorenzo’. Con i nomi di fiumi e di monti l’articolo viene in genere omesso quando serve a formare denominazioni di valli o altre località: O Borghetto d’Areuscia [u burˈɡetˑu d aˈrøːʃa] ‘Borghetto d’Arroscia’, Valle de Væa [ˈvalˑe de ˈvɛːa] ‘Val di Vara’, Valle de Bòrgna [ˈvalˑe de ˈbɔːrɲa] ‘Val Bormida’, Ceive de Tego [ˈtʃejve de ˈteːɡu] ‘Pieve di Teco’ e così via. Per quanto riguarda i nomi di strade o piazze, l’articolo è generalmente richiesto davanti a stradda [ˈstradˑa] ‘strada’ e caroggio [kaˈrudʒˑu] ‘vicolo’, mentre manca davanti a via [ˈviːa] ‘via’ e ciassa [ˈtʃasˑa] ‘piazza’: a Stradda Neuva [a ˈstradˑa ˈnøːva] ‘Strada Nuova’ (a Genova, l’attuale Via Garibaldi), o Caroggio do Fen [u kaˈrudʒˑu du ˈfeŋ] ‘Vico del Fieno’, Ciassa Neuva ‘Piazza Nuova’ (a Genova, l’attuale Piazza Matteotti), [ˈtʃasˑa ˈnøːva] Via Palestro [ˈviːa paˈlestru] ‘Via Palestro’.

VI. L’articolo e il possessivo

  1. In genovese, l’articolo viene normalmente usato anche in presenza dell’aggettivo possessivo: a mæ amiga [a ˈmɛː aˈmiːɡa] ‘la mia amica’, o sò can [u ˈsɔ ˈkaŋ] ‘il suo cane’ (cfr. anche VII.50.).

Casi particolari: nomi di parentela

  1. Con un nome di parentela al plurale, l’articolo è obbligatorio: e nòstre moæ [e ˈnɔstre ˈmwɛː] ‘le nostre madri’, i teu figgi [i ˈtøː ˈfidʒˑi] ‘i tuoi figli’.

  2. Con poæ [ˈpwɛː] ‘padre’, moæ [ˈmwɛː] ‘madre’, papà [paˈpa] ‘papà’, mamà [maˈma] ‘mamma’, figgio [ˈfidʒˑu] ‘figlio’, figgia [ˈfidʒˑa] ‘figlia’, moæ grande [ˈmwɛː ˈɡraŋde] ‘nonna’, poæ grande [ˈpwɛː ˈɡraŋde] ‘nonno’, messiao [meˈsjaːu] ‘nonno’, madonnava [maduˈnaːva] ‘nonna’, seuxoo [ˈsøːʒuː] ‘suoceto’, seuxoa [ˈsøːʒwa] ‘suocera’, lalla [ˈlalˑa] ‘zia’, barba [ˈbaːrba] ‘zio’, zenne [ˈzenˑe] ‘genero’, neua [ˈnøːa] ‘nuora’, cugnou [kyˈɲɔw] ‘cognato’, cugnâ [kyˈɲaː] ‘cognata’, moiña [ˈmwiŋˑa] ‘madrina’, poin [ˈpwiŋ] ‘padrino’, poiegno [ˈpwjeɲˑu] ‘patrigno’, moiegna [ˈmwjeɲˑa] ‘matrigna’, figgiòsso [fiˈdʒɔsˑu] ‘figlioccio’, figgiòssa [fiˈdʒɔsˑa] ‘figlioccia’, figgiastro [fiˈdʒastru] ‘figliastro’, figgiastra [fiˈdʒastra] ‘figliastra’, compâ [kuŋˈpaː] ‘compare’, comâ [kuˈmaː] ‘comare’, baccan [baˈkaŋ] ‘vecchio di casa’, baccaña [baˈkaŋˑa] ‘vecchia di casa’, con tutte le altre determinazioni di parentela al singolare, e con patron [paˈtruŋ] ‘padrone’ e patroña [paˈtruŋˑa] ‘padrona’, l’articolo si omette: mæ poæ o fa o mego [ˈmɛː ˈpwɛː u ˈfa u ˈmeːɡu] ‘mio padre è medico’, tò barba o dixe ben [ˈtɔ ˈbarba u ˈdiːʒe ˈbeŋ] ‘ha ragione tuo zio’, sò cugnâ a no ghe parla [ˈsɔ kyˈɲaː a nu ge ˈparla] ‘sua cognata non gli rivolge la parola’, e così via. Se il nome di parentela è accompagnato da un aggettivo, però, la presenza del possessivo non elimina l’articolo: o mæ fræ ch’o sta à Bonnesaire [u ˈmɛː ˈfrɛː k u ˈsta a buneˈzajre] ‘il mio fratello che abita a Buenos Aires’, a sò lalla d’Arbisseua [a ˈsɔ ˈlalˑa d arbiˈsøːa] ‘la sua zia di Albissola’. In questi casi si preferiscono però perifrasi come mæ fræ quello ch’o sta à Bonnesaire [ˈmɛː ˈfrɛː ˈkwelˑu k u ˈsta a buneˈzajre], sò lalla quella d’Arbisseua [ˈsɔ ˈlalˑa ˈkwelˑa d arbiˈsøːa].

Altri casi

  1. L’articolo è sempre presente quando il possessivo svolge la funzione di predicato nominale: sto can o l’é o mæ [stu ˈkaŋ u l ˈe u ˈmɛː] ‘questo cane è mio’, na che sta maggia a no l’é a tò [ˈna ke sta ˈmadʒˑa a nu l ˈe a ˈtɔ] ‘questa maglia non è tua’. L’articolo si usa anche, in genere, con aggettivi e sostantivi che determinano una qualità o la professione della persona indicata dal possessivo: mæ zenne l’inzegnê [ˈmɛː ˈzenˑe l iŋzeˈɲeː] ‘mio genero ingegnere’, o mæ amigo l’avvocato [u ˈmɛː aˈmiːgu l avuˈkaːtu] ‘il mio amico avvocato’. Nelle esclamazioni, è tipico un costrutto costituito da aggettivo, articolo, possessivo e nome: pöveo o mæ figgeu! [ˈpɔːvju u ˈmɛː fiˈdʒøː] ‘povero ragazzo!’, cao o mæ òmmo [ˈkaːu u ˈmɛː ˈɔmˑu] ‘caro amico!’; valore analogo ha la costruzione con l’articolo, il possessivo e il nome: cöse pòsso fâghe, o mæ figgeu? [ˈkɔːse ˈpɔsˑu ˈfaːɡe u ˈmɛː fiˈdʒøː] ‘che posso farci, caro ragazzo?’.

VII. Espressioni di tempo

  1. L’anno è sempre preceduto dall’articolo o dalla preposizione articolata do [du], de l’ [de l]: o 1815 [u mileøtuseŋtuˈkiŋze] ‘il 1815’, do 1849 [du mileøtuseŋtukwaraŋteˈnøːve] ‘nel 1849’, de l’88 [de l ɔːtaŋˈtøtˑu] ‘nell’88’. Le indicazioni che comprendono anche mese e giorno vengono introdotte da un articolo maschile, singolare se il numerale è un [yŋ] ‘uno’, plurale se il numerale è doî [dwiː] ‘due’, o più: l’un de zugno do 1976 [l ˈyŋ de ˈzyɲˑu] oppure o primmo de zugno [u ˈprimˑu de ˈzyɲˑu] ‘il primo giugno 1976’, i trei d’arvî do 1992 [i ˈtrej d arˈviː du milenøveseŋtunuvaŋteˈdwiː] ‘il tre aprile 1992’. Per indicare il solo mese si usa in genere la parola meise [ˈmejze] ‘mese’ preceduta dalla preposizione a-o [ɔw] e seguita dal nome del mese: a-o meise de frevâ [ɔw ˈmejze de freˈvaː] ‘in febbraio’ (più brevemente de frevâ [de freˈvaː]). La determinazione della stagione si attua mediante la preposizione de [del] de primmaveia ò d’ötunno [de primaˈvejˑa ɔ d ɔːˈtynˑu] ‘in primavera o in autunno’.

  2. Per designare l’ora non si usa l’articolo, ma il numerale è sempre seguito dalla parola oa [ˈuːa] ‘ora’ al singolare o al plurale a seconda dei casi: l’é unn’oa [l ˈe in ˈuːa] ‘è l’una’, l’é çinqu’oe de mattin [l ˈe ˈsiŋkwe de maˈtiŋ] ‘sono le cinque del mattino’, l’é sëi oe de doppodisnâ [l ˈe ˈseːi ˈuːe de dopudizˈnːa] ‘sono le diciotto’, manca ’n quarto à træ oe [ˈmanka ŋ ˈkwartu a ˈtrɛː ˈuːe] ‘manca un quarto alle tre’, l’é do’oe e meza [l ˈe ˈdoːe e meːza] ‘sono le due e mezza’, l’é dex’òe e sette [l ˈe deːˈʒuːe e ˈsɛtˑe] ‘sono le dieci e sette minuti’. Per il modo di esprimere le ore, cfr. anche VI.14.

Plurale dell’articolo indeterminativo

  1. A differenza dell’articolo determinativo, un [iŋ], [yŋ] e unna [inˑa] non hanno plurale. Esso è sostituito nella maggior parte dei casi dal partitivo (cfr. IV.24.) di [di] ‘dei, degli’ o de [de] ‘delle’: ò visto di gatti chi corriva [ˈo ˈvistu di ˈɡatˑi ki kuˈriːva] ‘ho visto dei gatti che correvano’. L’utilizzo del partitivo è possibile, in questo caso, anche quando esso è preceduto da preposizione: così, al singolare no se peu ëse amixi d’un òmmo pægio [nu se ˈpøː ˈeːse aˈmiːʒi d in ɔmˑu pɛːdʒu] ‘non si può essere amici di una simile persona’, corrisponde il plurale no se peu ëse amixi de di òmmi pægi [nu se ˈpøː ˈeːse aˈmiːʒi de di ɔmˑi pɛːdʒi] ‘non si può essere amici di simili persone’.

  2. Un altro modo per rendere il plurale dell’articolo indeterminativo è il ricorso agli indefiniti dötrei [dɔːˈtrej] ‘alcuni’ (femminile dötræ [dɔːˈtrɛː]) e quarche [ˈkwarke] ‘qualche’, o anche al numerale doî [ˈdwiː] ‘due’ (femminile doe [ˈduːe]), che assume anch’esso, in questo caso, valore indefinito: gh’ea dötræ persoñe e basta [ɡ ˈeːa dɔːˈtrɛː perˈsuŋˑe e ˈbasta] ‘C’erano soltanto alcune persone’; me mangieiva doî pesci [me maŋˈdʒejva ˈdwiː ˈpeʃˑi] ‘mangerei qualche pesce’. In genovese il plurale dell’articolo indeterminativo non può, in ogni caso, essere reso mediante la sua semplice soppressione.

Usi particolari dell’articolo indeterminativo

  1. Con i nomi propri, un [iŋ], [yŋ] e unna [inˑa] possono:

    1. avere il significato di ‘un certo’, ‘un tale’: o l’ea un Andria Bruzzon de Votri [u l ˈeːa n anˈdriːa bryˈzuŋ de ˈvuːtri] ‘era un certo Andrea Bruzzone di Voltri’;

    2. indicare ‘qualcuno che possa paragonarsi a’: un Firpo o no nasce tutti i giorni [iŋ ˈfiːrpu u nu ˈnaʃˑe ˈtytˑi i ˈdʒurni] ‘un Firpo (un poeta del valore di Firpo) non nasce tutti i giorni’;

    3. indicare l’opera di un personaggio illustre: un Magnasco [iŋ maˈɲasku] ‘un (quadro di) Alessandro Magnasco’;

  2. Altri usi:

    1. in frasi esclamative, sottolinea enfaticamente un epiteto che si riferisce all’intelocutore: ti ê un scemmo! [ti ˈeː ŋ ˈʃemˑu] ‘sei stupido!’;

    2. con un epiteto riferito a una terza persona, il nome di quest’ultimo richiede l’articolo: quello nescio de ‘n Pino o gh’à dito de na [ˈkwelˑu ˈneʃˑu de ŋ ˈpiːnu u ɡ ˈa ˈdiːtu de ˈna] ‘quello stupido di Pino si è rifiutato’.

Omissione dell’articolo

  1. In alcune circostanze l’articolo non compare, e, nei medesimi casi, viene usata la preposizione semplice in luogo di quella articolata:

    1. in locuzioni avverbiali: de corsa [de ˈkursa] ‘in fretta’, in faccia [in ˈfatʃˑa] ‘di fronte’, ecc.; in molte costruzioni modali formate mediante con [kuŋ] ‘con’, sensa [ˈseŋsa] ‘senza’ e in [iŋ] ‘in’: con carma [kuŋ ˈkaːrma] ‘con calma’, sensa sprescia [ˈseŋsa ˈspreʃˑa] ‘senza fretta’, in allegria [in aleˈɡriːa] ‘in allegria’, in compagnia [iŋ kuŋpaˈɲiːa] ‘in compagnia’ ecc.;

    2. in locuzioni verbali il cui significato corrisponde a quello di un verbo semplice: avei sæ [aˈvej ˈsɛː] ‘avere sete’, piggiâ freido [piˈdʒˑa ˈfrejdu] ‘prendere freddo’, perde tempo [ˈpɛːrde ˈteŋpu] ‘perdere tempo’, mette poia [ˈmetˑe ˈpwiːa] ‘spaventare’, cianze misëia [ˈtʃaŋze miˈzeːja] ‘lamentarsi per la miseria’, dâ a mente [ˈdaː a ˈmeŋte] ‘ascoltare’, ecc.;

    3. quando la preposizione da [da] ‘da’ ha valore finale (carte da zeugo [ˈkarte da ˈzøːɡu] ‘carte da gioco’, machina da scrive [ˈmakina da ˈskriːve] ‘macchina per scrivere’) o introduce costrutti di tipo modale o temporale: a ghe fâ da segretäia [a ɡe ˈfaː da seɡreˈtaːja] ‘gli fa da segretaria’, da zoeno o l’ea un desaugiaddo [da ˈzweːnu u l ˈeːa ŋ dezayˈdʒadˑu] ‘quando era giovane si comportava da scapestrato’, ecc.;

    4. con il complemento di materia: unna monæa d’öo [ˈina muˈnɛːa d ˈɔːu] ‘una moneta d’oro’, semmo arrestæ in braghe de teia [ˈsemˑu areˈstɛː ŋ ˈbraːge de ˈtejˑa] ‘siamo rimasti in pantaloni di tela’, ossia ‘al verde’;

    5. nell’espressione parlâ zerbo [parˈlaː ˈzɛːrbu] ‘parlare in gergo’, mentre è d’uso mantenerlo coi nomi delle lingue: parlâ o franseise [parˈlaː u fraŋˈsejze] ‘parlare francese’, parlâ l’italian [parˈlaː l itaˈljan] ‘parlare italiano’, ecc.;

    6. con i nomi dei mesi: l’é vegnuo arvî [l ˈe veˈɲyːu arˈviː] ‘è arrivato l’aprile’; coi nomi dei giorni della settimana: ancheu l’é zeuggia [aŋˈkøː l ˈe ˈzødʒˑa] ‘oggi è giovedì’, o l’é nasciuo sabbo passou [u l ˈe naˈʃyːu ˈsabˑu paˈsɔw] ‘è nato sabato scorso’; ma l’articolo è obbligatorio quando il nome è accompagnato da una determinazione: o Venardì Santo [u venarˈdi ˈsaŋtu] ‘il venerdì santo’ (per l’uso dell’articolo nelle determinazioni di tempo cfr. IV.16);

    7. nelle esclamazioni con nomi comuni o nomi propri abitualmente costruiti con l’articolo, o che siano preceduti da titoli che in genere lo richiedano: scià vëgne, professô Bagnæa! [ʃa ˈveːɲe, prufeˈsuː baˈɲɛːa] ‘venga, professor Bagnara!’.

  2. Davanti a un superlativo relativo l’articolo determinativo può essere inserito oppure (più frequentemente) omesso: a l’é a cösa a ciù bella ch’agge mäi visto [a l ˈe a ˈkɔːsa a ˈtʃu ˈbɛlˑa k ˈadʒˑe ˈmaːi ˈvistu] ‘è la cosa più bella che abbia mai visto’, ma anche o l’é o libbro ciù brutto ch’agge mai lezzuo [u l ˈe u ˈlibˑru ˈtʃu ˈbrytˑu k ˈadʒˑe ˈmaːi leˈzyːu] ‘è il peggior libro che abbia mai letto’.

Articolo partitivo

  1. Come abbiamo visto, il partitivo plurale di [di], de [de] può fare le veci dell’articolo indeterminativo. Al singolare, l’uso di do [du] ‘del’, ‘dello’, da [da] ‘della’ ma anche della preposizione semplice de [de] ‘di’ con questo valore, è piuttosto diffuso. Il partitivo si usa per lo più con sostantivi che esprimono una nozione collettiva, quando si vuole indicare una quantità non precisata: veuggio do pan [ˈvødʒˑu du ˈpaŋ] ‘voglio pane’, o l’à mangio do prosciuto [u l ˈa maŋˈdʒɔw du pruˈʃyːtu o l’à piggiou ben ben do sô [u l a piˈdʒɔw beŋ ˈbeŋ du ˈsuː] ‘ha preso molto sole’, de pasta ghe n’é un muggio [de ˈpasta ɡe n ˈe ŋ ˈmydʒˑu] ‘c’è pasta in abbondanza’, de vin ghe n’é arreo [de ˈviŋ ge n ˈe aˈreːu] ‘vino ce n’è in abbondanza’. Normalmente il partitivo non viene usato con sostantivi che indicano un singolo oggetto (tranne in espressioni figurate), ma viene utilizzato spesso con gli aggettivi sostantivati: gh’é do bon [ɡ ˈe du buŋ] ‘c’è del buono’, ossia ‘ci sono ottime possibilità’. Analogo è l’uso in frasi esclamative: o l’é d’un nescio che no te diggo [u l ˈe d iŋ ˈneʃˑu ke nu te diɡˑu] ‘è oltremodo stupido’. Con sostantivi indicanti un singolo oggetto, lo si può trovare usato solo quando il nome viene utilizzato per meglio chiarire lo svolgimento dell’azione, in frasi come sto chì l’ò zà tastou, de vin [stu ˈki l ˈɔ za taˈstɔw de ˈviŋ] ‘questo vino l’ho già assaggiato’. Nelle frasi negative il partitivo è sempre costituito dalla preposizione semplice de [de], mai dalle forme articolate: no gh’é de vin [nu ɡ ˈe de ˈviŋ] ‘non c’è vino’, no veddo de pan in sciâ töa [nu ˈvedˑu de ˈpaŋ iŋ ʃa ˈtɔːa] ‘non vedo pane sul tavolo’. Il partitivo si sopprime completamente quando è preceduto dalla congiunzione ni [ni] ‘né’ o dalla preposizione sensa [ˈseŋsa] ‘senza’: no gh’é ni ægua e ni pan [nu ɡ ˈe ni ˈɛːɡwa e ni ˈpaŋ] ‘non ci sono né acqua né pane’ (ma anche no gh’é d’ægua e ni pan [nu ɡ ˈe d ˈɛːɡwa e ni ˈpaŋ]), semmo sensa vin [ˈsemˑu ˈseŋsa ˈviŋ] ‘siamo senza vino’ (ma è più frequente la costruzione de vin semmo sensa [de ˈviŋ ˈsemˑu ˈseŋsa]).

Preposizioni articolate

  1. Dall’incontro tra una preposizione e un articolo determinativo risulta una preposizione articolata, come si nota dal prospetto seguente:

    à [a] ‘a’ + o = a-o [ɔw, aw] ‘al’, ‘allo’
    à + l’ = à l’ [al] ‘all’’
    à + a = a-a [aː] ‘alla’
    à + i = a-i [aj] ‘ai’, ‘agli’
    à + e = a-e [ae] ‘alle’

    con [kuŋ] ‘con’ + o = co-o [kuː] ‘col’
    con + l’ = con l’ [kuŋ l] ‘con l’’
    con + a = co-a [kwa] ‘con la’, ‘colla’
    con + i = co-i [kwi] ‘coi’, ‘cogli’
    con + e = co-e [kwe] ‘con le’, ‘colle’

    de [de] ‘di’ + o = do [du] ‘del’, ‘dello’
    de + l’= de l’ [de l] ‘dell’’
    de + a = da [da] ‘della’
    de + i = di [di] ‘dei’, ‘degli’
    de + e = de [de] ‘delle’

    da [da] ‘da’ + o = da-o [dɔw, daw] ‘dal’, ‘dallo’
    da + l’ = da l’ [da l] ‘dall’
    da + a = da-a [da] ‘dalla’
    da + i = da-i [daj] ‘dai’, ‘dagli’
    da + e = da-e [dae] ‘dalle’

    inte [iŋte] ‘in’ + o = into [iŋtu] ‘nel’, ‘nello’
    inte + l’ = inte l’ [iŋte l] ‘nell’’
    inte + a = inta [iŋta] ‘nella’
    inte + i = inti [iŋti] ‘nei’, ‘negli’
    inte + e = inte [iŋte] ‘nelle’

    in sce [iŋ ʃe] ‘su’ + o = in sciô [iŋ ʃuː] ‘sul’
    in sce + l’ = in sce l’ [iŋ ʃe l] ‘sull’’
    in sce + a = in sciâ [iŋ ʃaː] ‘sulla’
    in sce + i = in scî [iŋ ʃiː] ‘sui’, ‘sugli’
    in sce + e = in scê [iŋ ʃeː] ‘sulle’

    pe [pe] ‘per’ + o = pe-o [pɔw] ‘per il’
    pe + l’ = pe l’ [pe l] ‘per 1’’
    pe + a = pe-a [pja] ‘per la’
    pe + i = pe-i [pej] ‘per i’, ‘per gli’
    pe + e = pe-e [peː] ‘per le’

    tra [tra] o fra [fra] ‘tra’, ‘fra’ + o = tra o [traw], fra o [fraw] ‘tra il’
    tra o fra + l’ = tra l’ [tra l], fra l’ [fra l] ‘tra l’’
    tra o fra + tra = tra a [traː] , fra a [fraː] ‘tra la’
    tra o fra + i = tra i [traj], fra i [fraj] ‘tra gli’, ‘tra i’
    tra o fra + e = tra e [tra e], fra e [fra e] ‘tra le’

  2. La pronuncia di queste preposizioni articolate, nella catena parlata, è soggetta sovente a variazioni significative. Ad esempio a-o oscilla tra la pronuncia [aw] e [ɔw], e pe-o, tra [pew], [paw] e [pɔw]; tali variazioni non trovano riscontro nell’uso scritto.

  3. Come si è già avuto modo di accennare, le preposizioni articolate condividono tutti gli usi dell’articolo determinativo.