Conseggio pe-o patrimònio linguistico ligure

Conseggio ligure

Antònio Duasso (sec. XVIII)

Presentaçion à cua do Lusciandro Guason

Inte sto dialogo, fòscia no destinou à ëse misso in scena e stæto attribuio a-o Antònio Duasso, doî fræ, i patriçi Aleamme e Benardo Pravexin, che son stæti accaxonæ de vari reati dòppo da cheita da Repubrica aristocratica, se retreuvan inta salla do Conseggetto da inverno, stæta scangiâ in prexon pe-i aristocratichi. O Bernardo o no l’à desmisso affæto e mainee prepotente de quande o l’ea a-o Goerno e o pretendieiva d’ëse obbedio comme unna vòtta, tanto che o Aleamme, za Duxe da Repubrica, ch’o vëgne presentou comme un succubo do Benardo, o no l’arriësce à fâghe accapî che i tempi son scangiæ.

Dialogo successo ne a sala dro Conseggetto da inverno l’anno 1797

Allerame

…e chi poeiva mai contraddîve? Ȏ sei pù che se ve dixeiva quarcösa, ve favi vegnî rosso comme un biscion – e l’é quando voreivi sostegnî unna causa persa – e pretendeivi d’avei a sciensa infusa, de savei tutte re lezi à memöia, e mi, che no voreivo rattellâ e che non aveivo ste qualitæ, ò sempre ceduo, creddendove un sapienton… ma aora tocco con man, cao Bernardo, ma tardi, che eri un c… comme mi.

Bernardo

Oh, a-o passao non gh’é rimedio! L’é inutile de fâ tra noî doî de ste questioin; me fasso dâ ra penna e o caramâ da l’inspettô, e vedrei se saverò ancora mette insemme quarcösa de bon pe sarvâ almeno da l’òdio da naçion.

Allerame

E còsa pretenderesci de fâ? Avvertî, vei, che mi non veuggio ëse imbarassou inti vòstri pastissi; se semmo dæti do ridicolo tanto che basta!

Bernardo

Donque anche voî v’unî à tutti i atri de dentro e de feura contro de mi? Ghe mancava anche questa, à tutte e mæ desgraçie! Sei un fræ veramente ingrato; bella recompensa me dæ per avei fæto de tutto per fâve diventâ Duxe!

Allerame

Tra voî e Baciccia m’ei rovinao tanto che basta, e mi n’ò abbastansa di vòstri intrighi… ma spiegæve un pö, còsa intendei de fâ con questa vòstra petiçion?

Bernardo

Ninte atro che provâ a-o Governo che mi son sempre stæto de genio franseise, e coscì schivâ a tascia che m’an impòsto, e fâse liberâ de chì drento.

Allerame

Oh, oh, oh, me faresci rie sensa aveine veuggia! Voî pretendei de dâ ad intende questa böxia coscì gròssa à Zena, che ve conosce coscì ben? Mæ parei, a session tròppo longa che emmo fæto chì drento a v’à fæto vortâ e çervelle! E no sei che è ciù façile à mi de dâ ad intende à voî che l’é sguao un ase, che voî persuadde o Governo de sta böxia?

Bernardo

Ma non sei che gh’ò unna preuva çerta e segura dro mæ genio pe i franseixi, e che chì in questa sala gh’ò doî testimòni che me faran o piaxei de attestâlo.

Allerame

E chi eian questi doî balloin comme voî, che veuggian espoñise à fâse odiâ sempre ciù da tutti, assegurando unna böxia coscì manifesta?

Bernardo

Disnan tutti doî con noî e non î conoscei? Lagomarsin e Cerònio! Vedrei, vedrei, sciô Allerame, che preuve an da ëse queste! Sentî, mi gh’ò studiao tutta ra neutte, e spero de fâ unna giustificaçion sensa repriche. Vaddo à scrive a petiçion e pòi ve â farò leze; spero che v’unirei con mi ancon per questa vòtta. Ehi, sciô Inspettô, sciô Inspettô!

Inspettô

Cöse vorei, çittadin Bernardo, con tanta sprescia?

Bernardo

Voreivo ro caramâ e a penna per scrive unna petiçion.

Inspettô

Aggiæ paçiensa, Bernardo, ma aora se ne serve un atro. Comme o l’averà finio ve ô darò à voî.

Bernardo

Beniscimo. (passeggia brontolando con la marsina corta, berrettino in testa, il tutto sporco di tabacco di Spagna)

Inspettô

Piggiæ, çittadin Bernardo, chì gh’é o caramâ e ra penna; a carta ghe l’ei?

Bernardo

Sciô Inspettô, mi ô ringraçio da carta: gh’ò a carta bollâ. (scrive)

Ceronio

Tommaxo, dî un pö, cösa o scrive stamattin coscì de bon’oa, Bernardo Pravexin?

Tommaxo

Mi non ve ne sò dî ninte; o machina tutto o giorno per buzzarâ o pròscimo, mi me ne creddo. O l’à sempre fæto coscì, za ti ô sæ; ma porrieiva dâse che o fasse quarche petiçion pe-a tascia.

Ceronio

In graçia de quei birbi lì, noiatri semmo chì drento, e quello pöveo diao de Foppian ascì. Basta, paçiensa: a nòstra innoçensa un giorno a saiâ conosciua.

Bernardo

(ha finito di scrivere e si avvia frettoloso col foglio in mano cercando per la sala con le braccia larghe il fratello, e dice) Sciô Alerame. sciô Alerame, vegnî chì, vegnî, lezei, guardæ se son ancon un òmmo da porei fâ un o con unna canna!

Allerame

(legge attentamente e poi dice) Bravo Bernardo, bravo, non creddeivo mai ciù che arrivesci à tanto! Questa a l’é unna preuva indubitata. Ma… sei pòi seguro che quelli doî che nominæ ve veuggian fâ o piaxei d’accusâse lô per sarvâve voî? Mi me â stento à credde.

Bernardo

A veritæ a ri deve stimolâ, e poi non son tanto avvertii do zughetto che mi ghe fasso; basta che se salvemmo noî, pòi ri atri che ghe pensan: Cerònio poære o l’é un bon òmmo, e Lagomarsin pe fâme piaxei o fareiva de tutto. Ȃ pòrto à l’Inspettô. Ehi, sciô Inspettô, sciô Inspettô!

Inspettô

(piano) Che seccata! (forte) Cösa vorei, çittadin Bernardo?

Bernardo

Beseugna fâme ro piaxei de dâ per mi questa petiçion à ro governo provvisòrio.

Inspettô

Ma cösa a riguarda?

Bernardo

Sciâ leze e sciâ vedrà (prende tabacco)

Inspettô

(legge. Intanto Ceronio figlio osserva per di dietro il contenuto, e vedendovi inserito il nome del padre, prorompe in condogli)

Ceronio figlio

Cös’æla sta baronata? Cösa gh’intra inta petiçion de Bernardo o nomme de mæ poære?

Inspettô

(dà la petizione a Ceronio e dice) Lezei, mostræla à vòstro poære e dîme se o l’é contento che â mande a-o sò destin!

Bernardo

Ò contento ò no contento, veuggio che â se dagghe.

Inspettô

Me maraveggio ben de voî, Bernardo, che parlæ con tanta impertinensa: me parereiva che questo o non fosse ciù o leugo de dî veuggio e non veuggio: chì aora ghe son mi, destinao da-o governo comme Inspettô per sentî quello che occore, e sensa o consenso de quelli che ei inserio in quello papê, non ô manderò mai a-o sò destin. Ei capio, çittadin Bernardo?

Ceronio figlio

O l’é pe atro un bello ardimento questo chì, de pretende de sgravâse lê con aggravâ d’unna suppòsta delinquensa ri atri. Se voî ei ciammao mæ poære quando eri a-o Magistrato dri Inquisitoî, no l’ei ciammao comme Bernardo, ma comme un dro Magistrato per eseguî i òrdini che v’aveivan dæto, e coscì me pâ che non agge da fâ ninte Lucco con Pelucco, e che porrei risparmiâ de rendive ciù ridicolo, zacché tutti i attestati dro mondo non ve giustificheran mai in faccia dra naçion, che ei assascinao per tanto tempo e che a v’à conosciuo sempre per unn’anima neigra.

Lagomarsin

E mì cösa gh’intro in quest’affare, sciô Bernardo? Mæ parei sciâ se veu servî dre mæ spalle per covercio! Eh, non semmo ciù in quelli tempi, no; aora e cöse se veddan per o sò verso!

Bernardo

Mæ caro sciô Tommaxo, sciâ sa pu che ghe n’ò parlao primma, e che sciâ m’à dito che sciâ no gh’à in contraio! De raxon semmo amixi da tanto tempo…

Lagomarsin

Non tanta amiciçia, non tanta amiciçia: à bon conto, se non stava attento Cerònio, con a sò amiciçia sciâ me bugattava ben; ansi veuggio spartîme da loro signori prepotenti: veuggio disnâ da mi.

Ceronio

Anche mi disnerò solo con mæ figgio. Ehi, Nicòla, manda à dî à Steva Valle che o me mande o disnâ da parte, perché a-o manco no spendemmo i nòstri dinæ sensa savei cösa se mangia: Bernardo e Liame, basta che se contentan lô, ri atri î consideran comme scarpe vege.

Bernardo

Donque, sciô Inspettô, sciâ me dagghe a mæ petiçion che â farò dâ da un atro. (riprende la petizione e Ceronio gliela strappa dalle mani e la fa a pezzi)

Ceronio figlio

Non â farei dâ ninte da un atro, Bernardo, perché se avrei tanta faccia da fâla dâ sensa o nòstro consenso ne metterò insemme uña mi, che ve depenzerà per quello che sei.

Inspettô

Finimmo questa bæga. Stæ seguri che o no â darà, e quando mai o trovasse o mezo, non dubitæ che o l’é conosciuo tanto che basta. E voî çittadin Bernardo, invece de accrescive di nemixi de ciù, studiæ à giustificâ in atra manea a vòstra conduta che non quella d’aggravâ persoñe che meritan da voî tutti i riguardi, zacché tanto e tanto in questo mòddo non arriverei mai à persuadde nisciun, perché tutti san i miracoli dra vòstra vitta e re belle açioin da vòstra famiggia, che a l’à savuo meritâ tanto ben da-a naçion, che sei diventæ l’òdio universale. (apre la porta e parte)

Traduçion italiaña

Dialogo successo l’anno 1797 nella sala del Consiglietto da inverno

Allerame

…e chi poteva mai contraddirvi? Lo sapete pure che, se vi dicevo qualcosa, diventavate rosso come un peperone – ed è quando volevate sostenere una causa persa – e pretendevate d’avere la scienza infusa, di sapere tutte le leggi a memoria, e io, che non volevo litigare e che non avevo queste qualità, ho sempre ceduto, credendovi un sapientone… ma ora tocco con mano, caro Bernardo, che eravate un c… come me.

Bernardo

Oh, al passato non c’è rimedio! È inutile fare tra noi due queste liti; mi faccio dare la penna e il calamaio dall’ispettore, e vedrete se saprò ancora mettere insieme qualcosa di buono per salvarci almeno dall’odio della nazione.

Allerame

E che cosa pretendereste di fare? Badate, vedete, che io non voglio essere coinvolto nei vostri pasticci; ci siamo resi ridicoli abbastanza!

Bernardo

Dunque anche voi vi unite a tutti gli altri di dentro e di fuori contro di me? Ci mancava anche questa, a tutte le mie disgrazie! Siete un fratello veramente ingrato; bella ricompensa mi date per aver fatto di tutto per farvi eleggere Doge!

Allerame

Tra voi e Baciccia mi avete rovinato abbastanza, e io ne ho abbastanza dei vostri intrighi… ma spiegatevi un po’, che cosa intendete fare con questa vostra petizione?

Bernardo

Niente altro che provare al governo che io ho sempre simpatizzato per i francesi, e così schivare la tassa che mi hanno imposto, e farci liberare da qui dentro.

Allerame

Oh, oh, oh, mi fareste ridere senza averne voglia! Voi pretendete di dare ad intendere questa bugia così grossa a Genova, che vi conosce così bene? A mio parere, la sessione troppo lunga che abbiamo fatto qui dentro vi ha fatto dar di volta al cervello! E non sapete che è più facile a me dar da intendere a voi che è volato un asino, piuttosto che voi persuadere il governo di questa bugia?

Bernardo

Ma non sapete che ho una prova certa e sicura della mia propensione per i francesi, e che qui in questa sala ho dei testimoni che mi faranno il piacere di attestarlo.

Allerame

E chi saranno questi due contafrottole come voi, che vogliano esporsi a farsi odiare sempre più da tutti, assicurando una bugia così manifesta?

Bernardo

Pranzano tutti e due con noi e non li conoscete? Lagomarsino e Ceronio! Vedrete, vedrete, signor Alerame, che prove saranno queste! Sentite, io ci ho studiato tutta la notte, e spero di fare una giustificazione senza repliche. Vado a scrivere la petizione e poi ve la far leggere; spero che vi unirete a me ancora per questa volta. Ehi, signor Ispettore, signor Ispettore!

Ispettore

Che cosa volete, cittadino Bernardo, con tanta fretta?

Bernardo

Volevo il calamaio e la penna per scrivere una petizione.

Ispettore

Abbiate pazienza, Bernardo, ma ora se ne serve un altro. Appena avrà finito lo darò a voi.

Bernardo

Benissimo.(passeggia brontolando con la marsina corta, berrettino in testa, il tutto sporco di tabacco di Spagna)

Ispettore

Prendete, cittadino Bernardo, qui c’è il calamaio e la penna; la carta ce l’avete?

Bernardo

Signor Ispettore, io la ringrazio della carta: ho la carta bollata. (scrive)

Ceronio

Tommaso, dite un po’, che cosa scrive stamattina così di buon ora, Bernardo Pallavicini?

Tommaso

Io non ve ne so dire niente; macchina tutto il giorno per fregare il prossimo, io credo. Ha sempre fatto così, già lo sai; ma potrebbe darsi che faccia qualche petizione per la tassa.

Ceronio

A causa di quei birbanti lì, noi siamo qui dentro, e anche quel povero diavolo di Foppiano. Basta, pazienza: la nostra innocenza un giorno sarà riconosciuta.

Bernardo

(ha finito di scrivere e si avvia frettoloso col foglio in mano cercando per la sala con le braccia larghe il fratello, e dice) Signor Alerame, signor Alerame, venite qui, venite, leggete, guardate se sono ancora uomo da poter far una o con una canna!

Allerame

(legge attentamente e poi dice) Bravo Bernardo, bravo, non avrei mai più creduto che arrivaste a tanto! Questa è una prova indubitabile. Ma… siete poi sicuro che quei due che nominate vi vogliano fare il piacere di accusarsi loro per salvare voi? Io stento a crederlo.

Bernardo

La verità li deve stimolare, e poi non sono tanto al corrente del giochetto che io gli faccio; basta che ci salviamo noi, poi gli altri si arrangino: Ceronio padre è un brav’uomo, e Lagomarsino per farmi piacere farebbe di tutto. La porto all’Ispettore. Ehi, signor Ispettore, signor Ispettore!

Ispettore

(piano) Che scocciatura! (forte) Che cosa volete, cittadino Bernardo?

Bernardo

Bisogna farmi il piacere di consegnare per me questa petizione al governo provvisorio.

Ispettore

Ma a che proposito?

Ispettore

(Legge. Intanto Ceronio figlio osserva per di dietro il contenuto, e vedendovi inserito il nome del padre, prorompe in condogli)

Ceronio figlio

Che cos’è questa furfanteria? Che cosa c’entra nella petizione di Bernardo il nome di mio padre?

Ispettore

(dà la petizione a Ceronio e dice) Leggete, mostratela a vostro padre e ditemi se è contento che la mandi a destinazione!

Bernardo

Contento o non contento, voglio che sia consegnata.

Ispettore

Mi meraviglio molto di voi, Bernardo, che parliate con tanta impertinenza; mi sembrerebbe ora che questo non fosse più il luogo di dire voglio e non voglio: qui ora ci sono io, destinato dal governo come ispettore per sentire quel che occorre, e senza il consenso di quelli che avete inserito in quella carta, non lo manderò mai alla sua destinazione. Avete capito, cittadino Bernardo?

Ceronio figlio

È peraltro un bel coraggio questo, di pretendere di sgravarsi lui aggravando di una presunta delinquenza gli altri. Se voi avete chiamato mio padre quando eravate al Magistrato degli Inquisitori, non lo avete chiamato come Bernardo, ma come uno del Magistrato per eseguire gli ordini che vi avevano dato, e così mi pare che non abbia da fare niente Luca con pelucco, e che potrete risparmiare di rendervi più ridicolo, giacché tutti gli attestati del mondo non vi giustificheranno mai davanti alla nazione, che avere assassinato per tanto tempo e che vi ha sempre conosciuto come un’anima nera.

Lagomarsino

E io che cosa c’entro in quest’affare, signor Bernardo? A mio parere, vuole servirsi delle mie spalle come coperchio! Eh, non siamo più a quei tempi, no; ora le cose si vedono nel loro verso!

Bernardo

Mio caro signor Tommaso, sa pure che gliene ho parlato prima, e che mi ha detto che non è contrario! Per qualcosa siamo amici da tanto tempo…

Lagomarsino

Non tanta amicizia, non tanta amicizia: a buon conto, se non stava attento Ceronio, con la sua amicizia mi rovinava per bene; anzi voglio dividermi da lor signori prepotenti; voglio pranzare per conto mio.

Ceronio

Anche io pranzerò solo con mio figlio. Ehi, Nicola, manda a dire a Stefano Valle che mi mandi il pranzo da parte, perché almeno non spendiamo i nostri soldi senza sapere che cosa si mangia: Bernardo e Alerame, basta che si contentano loro, gli altri li considerano come scarpe vecchie.

Bernardo

Dunque, signor Ispettore, mi dia la mia petizione, che la farò dare da un altro.(riprende la petizione e Ceronio gliela strappa dalle mani e la fa a pezzi)

Ceronio figlio

Non la farete dare per niente da un altro, Bernardo, perché se avrete tanta faccia da farla dare senza il nostro consenso ne metterò insieme una io, che vi dipingerà per quel che siete.

Ispettore

Finiamo questa lite. State sicuri che non la darà, e quando mai trovasse il mezzo, non dubitate che è conosciuto tanto che basta. E voi, cittadino Bernardo, invece di aumentare i vostri nemici, pensate a giustificare in altra maniera la vostra condotta, che non sia quella di aggravare quella di persone che meritano da voi tutti i riguardi, giacché intanto in questo modo non riuscirete mai a persuadere nessuno, perché tutti sanno i miracoli della vostra vita e le belle azioni della vostra famiglia, che ha saputo meritare tanto bene dalla nazione, che siete diventati l’odio universale. (apre la porta e parte)